Cosa crediamo

Cosa professiamo e come lo mettiamo in pratica? Qui puoi leggere e trovare le risposte a diversi punti tra i più centrali nella nostra vita cristiana e professione.

La Brunstad Christian Church è una comunità di credenti che si basa sul Nuovo Testamento e con il credo che la Bibbia è la «parola di Dio». Oltre a questo fondamento non abbiamo nessun'altra dottrina, nessuna condizione e nessun trattamento preferenziale nei confronti di nessuno. La fede in Gesù come Figlio di Dio, nello Spirito Santo, nel perdono dei peccati, nel battesimo e nel rompere il pane sono fondamentali.

Dottrina

Noi ci inseriamo all'interno della "famiglia cristiana". Nella nostra comprensione del vangelo ci sono tuttavia tante cose che enfatizziamo in modo diverso rispetto alla maggior parte delle assemblee cristiane.

Questo vale soprattutto quel che riguarda la nostra vita cristiana dopo che abbiamo ricevuto il perdono dei peccati. Diamo infatti molto peso al fatto che noi come cristiani dobbiamo "portare frutti degni del ravvedimento", come dice la parola di Dio. Atti 26,20 e Mt. 3,8

La Bibbia come linea guida per la nostra vita e la nostra dottrina

Noi ci adoperiamo per attenerci alla parola della Bibbia che è la linea guida per la nostra vita e la nostra dottrina. Noi crediamo in Dio onnipotente, in Suo figlio Gesù Cristo e nello Spirito Santo. Crediamo anche che Gesù Cristo è stato concepito tramite lo Spirito Santo e nato dalla vergine Maria, crediamo che è morto alla croce e che dopo tre giorni è resuscitato dalla morte così come descritto nella Bibbia.
Il credo che Gesù è stato tentato, ma senza commettere peccato, è centrale per la predicazione della chiesa. Per questo la vita e le tentazioni di Gesù, i suoi combattimenti e la sua vittoria sono di fondamentale importanza per noi.
Noi non abbiamo libri che stiano sullo stesso piano della Bibbia. La Bibbia è l’unico fondamento della nostra fede. Tuttavia nel corso degli anni diversi cristiani fedeli hanno scritto cose molto buone e utili basate sulla propria esperienza di vita e la propria comprensione. Molte di queste scritture sono state raggruppate in libri, opuscoli e canti. Tutto questo affinché la parola di Dio possa essere compresa, creduta e vissuta. Noi non abbiamo delle leggi o delle regole di vita se non quelle che vengono indicate dalla Bibbia. Ma anche in questo l’esempio e i consigli di uomini e donne timorosi di Dio ci sono di grande aiuto.

Perdono dei peccati e vittoria sul peccato

Noi crediamo che tutti gli uomini possano ottenere il perdono dei peccati e possano giungere alla vita eterna credendo nella morte di Gesù per noi alla croce, senza che si sia fatta alcuna opera buona. Infatti è per grazia che siete stati salvati, mediante la fede; e ciò non viene da voi; è il dono di Dio. Ef. 2:8.
Crediamo anche che il perdono dei peccati non è il fine ultimo per un cristiano, ma piuttosto l’inizio di una nuova vita. Tramite la conversione e la fede noi siamo «rinati» ad una nuova vita e abbiamo nuovi interessi e un desiderio di fare al volontà di Dio. Tramite l’aiuto di Dio è possibile seguire Gesù come un suo discepolo, proprio come dice la parola di Dio. Crediamo che Gesù sia stato tentato esattamente come noi e che non abbia mai peccato, ma abbia vinto in tutte le tentazione per mezzo dell'aiuto dello Spirito Santo. Per questo crediamo anche che quando noi siamo tentati a fare qualcosa che sappiamo essere contro la volontà di Dio, riceviamo forza per rinnegare noi stessi e avere vittoria. Noi crediamo nella vittoria su tutto il peccato consapevole ed in una vita accompagnata da una crescita spirituale e da uno sviluppo in tutto il bene così come sta scritto nella Bibbia.

Santificazione

Noi crediamo che lo Spirito Santo ci ricorderà e ci guiderà lungo la via come discepoli di Gesù. Tramite l’ubbidienza allo Spirito giungiamo ad un rinnovamento interiore. In questa luce della parola di Dio e nello Spirito Santo saremo in grado di vedere sempre più gli aspetti della nostra propria volontà e le tendenze naturali che sono in contrasto con la volontà di Dio. Quando andiamo in accordo e riconosciamo ciò che ci indica lo Spirito Santo, avviene una purificazione da quel peccato tramite lo Spirito. In questo modo la nostra vita diventa un cammino di riconoscimento e purificazione crescente. Questo rinnovamento interiore è definito nella Bibbia santificazione.

La chiesa, il corpo di Cristo

Noi crediamo che la comunione spirituale che cresce tra coloro che vivono nella luce e la guida della parola di Dio sia la chiesa, anche detta il corpo di Cristo. Tutti coloro che vivono "crocifissi con Cristo" gli appartengono e fanno parte di questo corpo, indipendentemente dal tempo e dal luogo, dalla cultura e dalla tradizione, e ovviamente indipendentemente dall'appartenenza alla nostra comunità. 

 

Fede e vita, una scelta personale

Nella nostra chiesa cultura, lingua, formazione, stato civile e storia sono molto diversificati. Ciononostante siamo uniti dai buoni principi di vita e da una cristianità personale, in accordo con ciò che dice la Bibbia: La vita è la luce degli uomini.

Buoni principi di vita

Nella chiesa lavoriamo per portare avanti e badare ai buoni principi di vita che Dio ha dato per la nostra vita. Questi valori sono basati su quello che la Bibbia definisce la legge perfetta della libertà. Perciò, sia come singoli che come famiglia, ci concediamo l’un l’altro piena libertà di fare scelte personali e di formare la nostra vita. Questa libertà e questi buoni principi di vita sono la base per poter dare ai figli uno sviluppo felice e naturale.

Cristianesimo personale

La fede in Gesù è una questione personale. Perciò sono solo le scelte libere e consapevoli che possono dare la base necessaria per una fede personale, per uno sviluppo ed una crescita come cristiano.

Anche se la fede è una questione personale, come genitori cristiani ci auguriamo che i propri figli prendano parte alla stessa fede ed alla stessa gioia che si ha personalmente. Incoraggiamo e influenziamo i nostri figli e ci accorgiamo che la maggior parte dei nostri giovani scelgono di rimanere nella chiesa, ma coloro che decidono di scegliere diversamente vengono naturalmente rispettati nella loro scelta.

 

Battesimo

Noi pratichiamo il battesimo della fede, dunque da adulti. Il battesimo è la richiesta di una buona coscienza verso Dio. 1.P. 3,21. 

Il battesimo non rimuove il peccato, ma col battesimo si testimonia davanti a Dio ed agli uomini che si vuole vivere una nuova vita. Si fa un patto, un accordo con Dio, secondo il quale da quel momento in poi non si vivrà più per sé stessi e secondo la propria volontà, ma si vivrà per lui per fare la sua volontà.

Leggi anche:

Perché non il battesimo da bambini?

O ignorate forse che tutti noi, che siamo stati battezzati in Cristo Gesù, siamo stati battezzati nella sua morte? Siamo dunque stati sepolti con lui mediante il battesimo nella sua morte, affinché, come Cristo è stato risuscitato dai morti mediante la gloria del Padre, così anche noi camminassimo in novità di vita. Ro. 6,3–4. Un bambino piccolo non ha una "vecchia vita" che può deporre o alla quale puø "porre fine" consapevolmente. Non ha neanche abbastanza consapevolezza per fare un patto con Dio secondo la propria coscienza. Per questo non battezziamo i bambini piccoli. I bambini invece sono raccomandati a Dio in preghiera e benedetti nella chiesa per mezzo della preghiera della guida, così come Gesù benedì i piccoli. Ma Gesù disse: Lasciate i bambini, non impedite che vengano da me, perché il regno dei cieli è per chi assomiglia a loro. E, imposte loro le mani, se ne andò via di là. Mt. 19,14–15.

Rompere il pane

Il rompere il pane è una riunione di riflessione personale durante la quale ci ricordiamo della grande opera di salvezza che Gesù ha compiuto per noi e l’opera che vuole fare in noi.

Il rompere il pane è una cena in ricordo di Gesù e si effettua con diverse cadenze temporali nelle chiese locali. Il Signore Gesù... prese del pane, e dopo aver reso grazie, lo ruppe e disse: Questo è il mio corpo che è dato per voi; fate questo in memoria di me. Nello stesso modo, dopo aver cenato, prese anche il calice, dicendo: Questo calice è il nuovo patto nel mio sangue; fate questo, ogni volta che ne berrete, in memoria di me. Poiché ogni volta che mangiate questo pane e bevete da questo calice, voi annunciate la morte del Signore, finché egli venga. 1.Co. 11,23-26.

Una confessione

La comunione, o come lo chiamiamo il "rompere il pane", è una confessione. Confessiamo che nella nostra vita giornaliera prendiamo parte alla stessa morte di Gesù, la morte sul peccato che abita nella nostra natura. Il calice della benedizione, che noi benediciamo, non è forse la comunione con il sangue di Cristo? Il pane che noi rompiamo, non è forse la comunione con il corpo di Cristo? Siccome vi è un unico pane, noi, che siamo molti, siamo un corpo unico, perché partecipiamo tutti a quell'unico pane. 1.Co. 10,16-17.