L'onestà è la miglior politica ... con te stesso

L'onestà è la miglior politica ... con te stesso

Scritto da: Trond Eivind Johnsen | Pubblicato: venerdì 26 aprile 2013

Da bambino, come a molti altri, mi è stato inculcato il proverbio "l'onestà è la miglior politica".  Questo mi ha portato a confessare cose che avevo fatto come rubare mele e compiere piccoli furti.  Ma cosa succede aggiungendo "...con te stesso?"

Un anziano che aveva vissuto una lunga vita da cristiano mi chiese una volta, "Tu devi essere qualcuno che si ferma di tanto in tanto, vero?" Non ci pensai su molto allora, ma in seguito questa domanda mi è tornata in mente diverse volte e mi ha fatto fermare.

Adesso volgo la domanda a te:  Sei qualcuno che si ferma di tanto in tanto? Intendo "fermarsi" non come quando non si va avanti. No, intendo fermarsi come "soffermarsi per riflettere ed essere onesti con sé stessi su come le cose stiano veramente andando."

Hai Facebook e Twitter sul tuo cellulare, segui le notizie e le serie TV; trascorri tempo giocando al computer e navigando su YouTube.  Diverse cose richiedono la tua attenzione, sia che tu sia o non sia un credente.  Ma sei in controllo su ciò a cui presti la tua attenzione e dove essa è diretta? I tuoi giorni sono sprecati in attività superficiali e prive di scopo?

Un invito su cui ti puoi soffermare e prestare la tua attenzione per un paio di minuti:

"Ecco, io sto alla porta e busso:  se qualcuno ascolta la mia voce e apre la porta, io entrerò da lui e cenerò con lui ed egli con me" dice Gesù in Apocalisse (3:20).  L'attenzione di Gesù è rivolta alla nostra attenzione. Ti sei mai fermato una o due volte per pensare a questo invito di Gesù di cenare personalmente con Lui ed avere comunione? Non vale la pena il tentativo di prestare attenzione a quest'Uomo - di cui si è parlato di più nella storia - il tempo di una cena? Non credi che il Figlio del Creatore dell'universo abbia una prospettiva diversa sulla vita? E non credi che cambierebbe la tua visione della vita parlando con una persona simile?

Molte persone nella storia sono state caratterizzate per essere state autonome e oneste.  Non accettavano ciecamente l‘opinione comune prevalente su come la vita doveva essere vissuta. Cercarono da soli.

Quale direzione hai intenzione di prendere? Questa esortazione di Johan Oscar Smith ti dà qualcosa su cui riflettere?

"Sii una persona autonoma - pensa da solo e senti da solo, leggi tu stesso nelle Scritture e giudica e discerni tu stesso in tutte le cose.  Allora diventerai spirituale e utile nel servizio del Signore." (Lettere di Johan O. Smith - Estratti da varie lettere)

Sii onesto con te stesso; fermati e pensa perché fai quello che fai. Allora avrai almeno preso controllo sulla tua propria vita. Se non lo fai, ci sono persone a sufficienza desiderose di prendere controllo su di te.