Propositi di capodanno

Propositi di capodanno

Scritto da: Heidi Watz Vedvik | Pubblicato: mercoledì 31 dicembre 2014

Non dovrei afferrare l’opportunità di avere vittoria oggi? Non perché è capodanno, ma perché Dio ci ha chiamati a prendere la nostra croce ogni giorno!

Quando stiamo per entrare in un nuovo anno, molti di noi hanno una tradizione di propositi di capodanno di natura diversa per l’anno nuovo. Ora finalmente si metterà mano a cattive abitudini – una volta per tutte. Se sei stato poco assiduo negli allenamenti, è arrivato il momento per una nuova vita quotidiana di attività. Se hai mangiato un po’ troppo di quello che non si dovrebbe mangiare, si pone fine a questo quando l’orologio segna la mezzanotte di fine anno. Dal 1 gennaio ci sarà qualcosa di completamente nuovo! “Non lo farò più …” oppure “da ora in poi lo farò …”. Queste parole sono piuttosto familiari. Non è la prima volta che abbiamo detto esattamente questo! Riusciamo a mantenere le promesse questa volta?

I piani e i sogni non bastano

Perché aspettare proprio fino a questo momento per reagire?

I propositi di inizio anno sono una bella cosa. Riceviamo una piccola spinta per fare qualcosa che forse è stato pianificato a lungo. Ma perché aspettare proprio fino a questo momento per reagire? Perché non abbiamo fatto qualcosa ieri, o la settimana scorsa? Forse abbiamo aspettato un anno intero – dallo scorso gennaio, quando già dopo due settimane le cose sono andate male? Una cosa è fare jogging, che è stato posticipato di quattro mesi perché non si sopportava il freddo, o che il bilancio familiare non sia andato tanto bene come previsto. Ma per quanto riguarda i peccati veri, quelli che ostacolano Dio a fare un lavoro di trasformazione in noi? Si è ugualmente lenti a reagire lì?

“… mentre non sapete quel che succederà domani! Che cos'è infatti la vostra vita? Siete un vapore che appare per un istante e poi svanisce.” (Gc. 4,14)

Deve avvenire qualcosa adesso – in questo secondo!

In realtà non sappiamo quando è il nostro ultimo giorno. In realtà ha poca importanza se riusciamo a perdere cinque chili o se non siamo riusciti a fare il giro del mondo. Quello che in realtà è importante, è quanto le nostre cose siano in ordine con Dio! Siamo stati precisi con i nostri pensieri, abbiamo purificato ogni cosa che abbiamo visto del peccato e dell’egoismo nella nostra vita? Che cosa dice la coscienza – c’è ancora qualcosa di nascosto, di risparmiato? È così che il piano era di mettere le cose in ordine? Purtroppo non valgono i piani e le visioni in quel giorno che si incontrerà il proprio Creatore. Non serve smettere di essere pigri ed egoisti da capodanno – o da domani. Deve avvenire qualcosa adesso – in questo secondo!

Motivazione e speranza

Ugualmente importante è continuare, non cedere, non essere deboli. Le conseguenze del rallentare dopo alcune settimane sono molto più serie quando si tratta di servire Dio. Se si corre su questa pista, non ci si può fermare con una buona coscienza o una coscienza a metà. Ma a differenza di una persona stanca e pigra che fa jogging, che cerca di mettersi in forma dopo Natale, un discepolo di Gesù ha una motivazione e una speranza di dimensioni completamente diverse.

“Ma quelli che sperano nel SIGNORE acquistano nuove forze, si alzano a volo come aquile,
corrono e non si stancano, camminano e non si affaticano.”
(Is. 40,31)

Dio ci ha chiamati a prendere ogni giorno su di noi la nostra croce!

Disse får sin kraft hos Gud – en kraft som er langt sterkere enn muskler, langt større enn menneskelige drømmer og visjoner. Med Guds hjelp skal vi nå det målet vi har satt oss; å få rikelig del i Kristi liv. Grip muligheten til seier i dag – ikke fordi det er nyttår – men fordi Gud kalte oss til å ta vårt kors opp hver dag! (Luk 9,23)

Questi ottengono la loro forza da Dio – una forza che è di gran lunga più forte dei muscoli, di gran lunga più grande dei sogni e delle visioni degli uomini. Con l’aiuto di Dio, raggiungeremo l’obiettivo che ci siamo prefissati; di ottenere l’abbondanza della vita di Cristo. Afferra l’opportunità di vincere oggi – non perché è capodanno – ma perché Dio ci ha chiamati a prendere ogni giorno su di noi la nostra croce! (Luca 9,23)

“Questo è il giorno che il SIGNORE ci ha preparato; festeggiamo e rallegriamoci in esso.” (Sal. 118, 24)