Un viaggio di missione diverso

Un viaggio di missione diverso

Scritto da: Harald Kronstad | Pubblicato: martedì 15 novembre 2011

Non era in Africa o sotto altri cieli lontani in cui ci trovavamo quel giorno. No, eravamo qui nel nostro paese in un normale tragitto d'autobus.

"Anch’io credo in Dio e dico la mia preghiera serale ogni giorno. L’ho fatto sin da quando ero bambina."

"Si, è bello credere in Gesù", dissi io, gioendo assieme a lei.

La donna accanto a me, in questo lungo tragitto d'autobus, mi aveva raccontato prima buona parte della sua vita. Aveva più di sessant’anni, sarebbe andata in pensione tra pochi mesi e la cosa le faceva molto piacere.

"Leggi anche la bibbia?", le chiesi.

"No, non lo faccio. Credi debba farlo?"

"Sì, credo ti farebbe bene e ti darebbe un punto fermo a cui appigliarti nella tua esistenza. La bibbia è un libro fantastico e ci dà un aiuto vero e una direzione per la nostra vita. A me ha dato un grande aiuto e una grande benedizione nella vita!"

In tensione su come Dio mi accoglierà

"La vita è molto diversa per noi", disse lei. "Tu hai una moglie e diversi figli, ma io non ho avuto figli. Mi sono sposata due volte, e sono stata io a rompere il matrimonio entrambe le volte. Ho mantenuto un buon rapporto con i miei mariti precedenti, ma sono molto dispiaciuta per il dolore e le sofferenze che ho provocato alle altre persone con le mie scelte." C’era uno spirito di ammissione in quello che diceva, ed ebbi una sensazione forte che quel che diceva lo intendesse in modo sincero.

...è possibile mettere in ordine tutto ora mentre vivi.

"Non posso dire di aver paura della morte, ma son un po’ in tensione per come Dio mi accoglierà", proseguì lei.

"Posso capirlo in un certo senso, ma è possibile mettere in ordine tutto ora mentre vivi. In effetti puoi mettere tutto a posto oggi."

"Dici sul serio?"

Presi la bibbia dalla mia borsa e cercai le parole di Paolo in Romani 10:9-10: Perché, se con la bocca avrai confessato Gesù come Signore e avrai creduto con il cuore che Dio lo ha risuscitato dai morti, sarai salvato; infatti con il cuore si crede per ottenere la giustizia e con la bocca si fa confessione per essere salvati.
Lei desiderava ascoltare e le parole piene di speranza ci commossero.

Io ho avuto grazia di ricevere il regno dei cieli e la vita eterna.

"Sai cosa ti dico? Non credo tu sia lontana dal regno dei cieli". Mi accorsi che giunse su di me qualcosa di fermo e convincente.

"Perché credi questo?"

"Tu sei seduta qui", dissi, "e io ho avuto grazia di ricevere il regno dei cieli e la vita eterna dentro di me". Le parole provenivano direttamente dal mio cuore, e sentii affiorare in me come un fiume di gratitudine per la bontà di Dio.

"È vero", disse lei.

Certezza della tua eternità

"Accogli Gesù come capo nella tua vita e vivi per lui il resto dei tuoi giorni. Non è necessario che trascorra molto tempo per avere la certezza della tua eternità e di come Dio ti accoglierà! Pensa al ladro che fu crocefisso assieme a Gesù, lui che riconobbe i suoi peccati e pregò Gesù di aiutarlo. Dopo questi pochi istanti in cui parlarono assieme alla croce, Gesù gli promise che lui sarebbe entrato nel Paradiso. Anche tu puoi fare lo stesso e non c’è bisogno di un lungo periodo di riflessione quando ti accorgi che Dio opera nel tuo cuore."

"Desidero essere assieme a te in cielo per tutta l’eternità", le dissi.

"Anch’io lo voglio veramente!", rispose lei.

"Ora ho ricevuto tanto su cui riflettere", proseguì lei.

"Sai che ti dico? Ti prometto di iniziare a leggere in questo libro". Indicò la mia bibbia. "Ma anche tu devi promettermi una cosa."

"Che cosa?"

"Devi promettermi di pregare per me!", disse lei.

Lasci l'empio la sua via e l'uomo iniquo i suoi pensieri.

Entrambi eravamo commossi e toccati scendendo dall’autobus qualche minuto dopo.
Un amico le venne incontro, lei mi pregò di salutarlo e nello stesso tempo, riflettendo, disse a lui: "Abbiamo tanto di cui parlare stasera."

Cercate il SIGNORE, mentre lo si può trovare; invocatelo, mentre è vicino. Lasci l'empio la sua via e l'uomo iniquo i suoi pensieri; si converta egli al SIGNORE che avrà pietà di lui, al nostro Dio che non si stanca di perdonare. Isaia 55:6-7