Bisogno - Preghiera - Gratitudine

Bisogno - Preghiera - Gratitudine

Scritto da: Aksel J. Smith | Pubblicato: mercoledì 6 agosto 2014

Moltre preghiere riguardano malattie e altri bisogni umani, ma un bisogno di salvezza più profonda, fame e sete di giustizia e bisogno per una continua maggiore pienezza di tutte le virtù di Cristo, di queste preghiere ce ne sono poche. Le tue preghiere sono in accordo con quanto la Bibbia dice riguardo alla preghiera?

Bisogno, preghiera e gratitudine sono cose che vanno assieme. Si pregano milioni di preghiere ogni giorno in terra, ma la maggior parte di queste sono solo parole ripetute a memoria.

I farisei pregavano tante preghiere lunghe per essere visti. Non c'era un bisogno nel cuore che li spingeva alla preghiera. Dio dice in effetti a tutti questi: Ritorna quando c'è qualcosa di preciso che tu vuoi, quando c'è un bisogno nel tuo cuore che ti spinge a pregare, cercare e bussare. (Matteo 7,7) Una preghiera come quella della vedova, che era in disperato bisogno di ottenere giustizia sul suo avversario. (Luca 18,1-8) Quella era una preghiera di fede, lei non si rassegnava prima di avere ottenuto giustizia, e il nostro avversario oggi è il diavolo.

… solo quelli che sono nel bisogno, e hanno veramente bisogno di aiuto, sono aiutati

In relazione a questo Gesù dice: "Dio non renderà dunque giustizia ai suoi eletti che giorno e notte gridano a lui? Tarderà nei loro confronti? Io vi dico che renderà giustizia con prontezza. Ma quando il Figlio dell'uomo verrà, troverà la fede sulla terra?» (Luca 18,7-8) Questa è la fede vittoriosa che non dà ragione al diavolo in nessun punto. Lui dovrà essere e sarà sconfitto, e per questo dobbiamo avere aiuto e un aiuto grande. In svedese lo Spirito Santo viene chiamato "l'aiutante" e solo coloro che sono nel bisogno e veramente hanno bisogno di aiuto, sono aiutati. Di questa fede vittoriosa ce n'è poca in terra.

Dio esaudisce il grido di aiuto nel cuore

"Il mio Dio provvederà a ogni vostro bisogno, secondo la sua gloriosa ricchezza, in Cristo Gesù." (Filippesi 4,19) La pienezza in Cristo è grande e ricca, ma prendiamo parte a questa pienezza solo secondo il desiderio del nostro cuore. Lui non ci esaudisce secondo le nostre parole ben formulate ad alta voce, ma secondo il gridare del bisogno nel cuore, come era per Anna. (1. Samuele 1,13)

Lui non ci esaudisce secondo le nostre parole ben formulate

Moltre preghiere riguardano malattie e altri bisogni umani, ma un bisogno di salvezza più profonda, fame e sete di giustizia e bisogno per una continua maggiore pienezza di tutte le virtù di Cristo, di queste preghiere ce ne sono poche.

Prega con rendimento di grazie

Preghiere che raramente sono salite al trono di Dio da parte di qualche persona qui in terra, sono preghiere come quelle di Paolo e Epafra. Lottavano nelle loro preghiere perché il singolo fosse saldo, come uomo compiuto, completamente disposto a fare la volontà di Dio. (Colossesi 1,9 28-29 e 4,12)

Ringraziamento. Gesù vuole che noi portiamo ringraziamenti per ogni esaudimento delle preghiere, e a preghiere di fede seguono sempre rendimenti di grazie e lodi. Dei dieci lebbrosi, solo uno ritornò ringraziando Dio. La profondità della gratitudine è misurata con le nostre preghiere. Il più delle volte è piuttosto superficiale. Gli apostoli si rallegravano in rendimento di grazie e lodi, quando videro che la vita e l'essenza di Gesù si manifestò nel singolo mediante la perfezione e la saldezza in tutta la volontà di Dio in tutte le virtù di Cristo.

La volontà di Dio dovrà e potrà avvenire nella vita personale giornaliera così come avviene in cielo

Nella preghiera breve ma ricca di contenuto del "Padre nostro", tra le altre cose si dice: "Sia fatta la tua volontà, come in cielo, anche in terra." Queste parole vengono ripetute meccanicamente da migliaia di persone ogni giorno. Ma una fede viva e una comprensione del fatto che la volontà di Dio dovrà e potrà avvenire nella vita personale giornaliera di ognuno così come avviene in cielo, in questo sono in pochi a crederci, e pochissimi possono presentare rendimenti di grazie perché questo è riuscito.

Paolo voleva che tutto il suo servizio portasse rendimento di grazie a Dio. (2. Corinzi 1,11; 4,15; 9,11-12) Paolo voleva eliminare tutte le parole sciocche o volgari per dare spazio al ringraziamento. (Efesini 5,4) In ogni cosa dobbiamo far conoscere le nostre richieste a Dio in preghiere e suppliche, accompagnate da ringraziamenti. (Filippesi 4,6)

Prega in fede

Dobbiamo essere radicati nella fede, abbondando nel ringraziamento. (Colossesi 2,7) "Perseverate nella preghiera, vegliando in essa con rendimento di grazie." (Colossesi 4,2) Possiamo pregare in modo tale da giungere nel buio e nella disperazione se non ci unifichiamo in fede con ringraziamento e lode. Quando nel vecchio patto le cose sembravano essere impossibili per i santi, attraverso la fede ottenevano la vittoria con ringraziamenti e lodi.

Giona era nel buio più profondo nella pancia del pesce, e poi sta scritto: "Ma io ti offrirò sacrifici, con canti di lode; adempirò i voti che ho fatto. La salvezza viene dal SIGNORE». E il SIGNORE diede ordine al pesce, e il pesce vomitò Giona sulla terraferma." (Giona 2,10-11)

"Come sacrificio offri a Dio il ringraziamento, e mantieni le promesse fatte al SIGNORE; poi invocami nel giorno della sventura; io ti salverò, e tu mi glorificherai." (Salmi 50, 14-15)

L'articolo è stato pubblicato per la prima volta nella rivista della chiesa «Skjulte Skatter» (Tesori Nascosti) nel febbraio 1979 (adattato per www.brunstad.org).
© Copyright Stiftelsen Skjulte Skatters Forlag | brunstad.org