Come può un Dio d’amore mandare le persone all’inferno?

Come può un Dio d’amore mandare le persone all’inferno?

Scritto da: David Risa | Pubblicato: mercoledì 9 settembre 2015

Non ci può essere alcun dubbio che l’inferno esista. Gesù lo cita diverse volte nei vangeli. (Matteo 23:33, Luca 12:5, Matteo 16:18 per citarne alcuni.) Ma può essere difficile immaginare come un Dio amorevole e misericordioso potrebbe mandare persone in un luogo descritto come una “fornace di fuoco.” (Matteo 13:50)

L’ultima spiaggia

All’interno del sistema giudiziario, la prigione è normalmente indicata come l’ultima spiaggia. Ciò è dovuto all'allarmante impatto negativo che ha su tutti gli aspetti della vita di una persona. Come regola generale, più a lungo un delinquente passa in isolamento, circondato da altri criminali, tanto meno probabilità ci sono di riabilitazione.

A volte è l’unica opzione; l’ultima spiaggia. Oltre ad essere una punizione, in alcuni casi è l’unico modo per assicurarsi che non potrà mai più delinquere. Inoltre, la prospettiva della vita dietro le sbarre è l’unica cosa che ferma alcuni elementi della società a commettere un omicidio.

Un Dio misericordioso e paziente

Quando si tratta di condannare le persone all’inferno, le scritture descrivono questa come l’ultima spiaggia di Dio.“Il Signore non ritarda l'adempimento della sua promessa, come alcuni credono che egli faccia, ma è paziente verso di noi, non volendo che alcuno perisca, ma che tutti vengano a ravvedimento.” 2 Pietro 3:9.

Dio non desidera che nessuna sia gettato nell’inferno. Lui ama ardentemente ognuno che ha posto sulla terra. Lui dà alle persone così tante opportunità per pentirsi e ricevere il perdono. Dio si rivolge agli individui in innumerevoli modi diversi, che li spinge a riconciliarsi con Lui. Lui ha persino mandato il suo unico Figlio sulla terra per indicarci la via, tutto in modo che potessimo avere ogni possibile opportunità per essere salvati. (Giovanni 3:16)

Dio non desidera che nessuno sia gettato all'inferno. Lui ama ardentemente ognuno che ha posto sulla terra.

Nei giorni di Noè “la malvagità dell'uomo era grande, e ogni intento dei pensieri del suo cuore era continuamente malvagio,” ma Dio risparmiò Noè, e in realtà il futuro di tutta l’umanità, dopo aver emesso una sentenza di morte su ogni essere vivente. (Genesi 6) Questo è un chiaro esempio della sua pazienza e misericordia.

Dio è esattamente lo stesso oggi. La sua avversione e il suo odio per il peccato e il danno che provoca non è diminuito col tempo. Non desidera neppure che tutti si pentano. Tuttavia, Lui non costringe nessuno a pentirsi. L’amore e il rispetto che ha per il nostro libero arbitrio, gli impedisce di farlo. Ognuno deve prendere la decisione da sé; di servire Dio piuttosto che il peccato.
Tutto comincia con questo: “temilo!” Il timore di Giuseppe di peccare contro Dio gli faceva vedere il peccato nel modo in cui lo vede Dio e lo portò ad esclamare: “Come dunque potrei io fare questo gran male e peccare contro Dio?” Genesi 39:9. 

Pensi che questo sia troppo duro come punizione; che un Dio che condanna qualcuno all’inferno è troppo duro e non possa essere assolutamente amorevole? Allora non vedi il peccato nella sua reale malvagità. Dio non può permettere l’ingresso di nulla che sia impuro nel suo regno, per non corrompere quello che è santo e puro. Se il peccato ottenesse l'accesso in cielo, seguirebbe la maledizione sotto cui si trova la terra e Dio non permetterà che questo accada. Le sue eterne, immutabili leggi sono incrollabili e lui non fa eccezioni.

Quando si sceglie consapevolmente di vivere in contrasto con le leggi di Dio, rifiutando i suoi suggerimenti al pentimento, si sceglie personalmente quale sarà l’esito della propria vita.

Non sbagliare – l’inferno non è un posto dove le persone vengono semplicemente “mandate”. Proprio come c’è una via che conduce al cielo, c’è pure una via che conduce all’inferno – ed è pesantemente segnalata. È un percorso che qualcuno decide di prendere, una direzione in cui si stanno dirigendo e una rotta che hanno impostato, molto prima di arrivarci. Quando si sceglie consapevolmente di vivere in contrasto con le leggi di Dio, rifiutando i suoi suggerimenti al pentimento, si sceglie personalmente quale sarà l’esito della propria vita.

Dio, il Giudice giusto

“…perché egli viene, viene a giudicare la terra.  Egli giudicherà il mondo con giustizia e i popoli nella sua fedeltà.” Salmi 96:13.

Anche le persone che non hanno mai sentito parlare di Dio verranno un giorno da lui giudicate. Queste persone saranno giudicate secondo la loro coscienza, l’intuitivo senso di ciò che è giusto e sbagliato che ogni persona ha, e su come hanno vissuto in base ad esso.

Dio è così giusto che nessuno sarà in grado di stare davanti a Lui in quel giorno e dire che qualcosa non era giusto.

Dio è giusto, e nessuno verrà gettato nella geenna per aver fatto qualcosa di cui non sapeva fosse sbagliato. Tuttavia, chiunque agisce contro la propria coscienza dovrà un giorno renderne conto. (Romani 2:12-16) Dio è così giusto che nessuno sarà in grado di stare davanti a Lui in quel giorno e dire che qualcosa non era giusto. 

Dare conto della tua vita

Ma non è l’intenzione che la paura dell’inferno e dell'eterna condanna sarà la forza trainante dietro ogni nostra decisione. Piuttosto, la pazienza, la misericordia e l'amore di Dio verso di noi ci dovrebbe ispirare ad amarlo a nostra volta. Tanto da aver paura di peccare contro di Lui. Fermati e chiediti, “Su quale strada mi trovo? Quali pensieri nutro nel mio cuore e a cosa mi portano se non li affronto?”

Avrai un’eternità per contemplare il risultato delle scelte che fai ora, quindi non schivare la verità sulle conseguenze del peccare contro Dio. Quando è finito il nostro tempo sulla terra, ognuno dovrà rendere conto davanti al Giudice giusto. In quel giorno, tu sarai lì, non insieme agli amici, alla famiglia o ai colleghi, ma solo – solo tu e Dio. Non avrai né il tempo, né la possibilità di correre indietro e mettere le cose a posto. Oggi, puoi farlo.

La pazienza, la misericordia e l'amore di Dio verso di noi ci dovrebbe ispirare ad amarlo a nostra volta. Tanto da aver paura di peccare contro di lui.

Questo è il momento di iniziare ad andare sulla strada giusta, una senza alcun disagio e inquietudine che viene da una vita che non è pronta per la revisione. Tutti quelli che scelgono di obbedire alle leggi benedette di Dio sperimentano quanto Lui sia buono! Loro vivono una vita incredibilmente ricca, piena di pace e felicità. Ovunque vadano queste persone, diffondono gioia e sole – a prescindere dallo stato delle loro finanze, dalla loro salute o da altre circostanze personali. Vivendo in armonia con i comandamenti di Dio, in realtà essi portano un assaggio del cielo nei loro dintorni. Questa è l’intenzione di Dio per la nostra vita.