Cristianità attiva

Cristianità attiva

Scritto da: Johan Oscar Smith | Pubblicato: giovedì 28 aprile 2016

Com’è veramente la genuina cristianità?

Cristianità distorta

Molte persone pensano che il vangelo di Cristo sia qualcosa pertinente solamente quando una persona si trova sul proprio letto di morte. Così vivono le loro vite, sperando di ricevere una possibilità di “mettere le cose in ordine con Dio” proprio prima di morire, come se Dio fosse il Dio della morte, con un particolare interesse in quei corpi miserabili che sono consumati da ogni tipo di peccato. Pensano che la gioventù con la sua forza sia meglio usata per servire Satana. Se però qualcuno finalmente - dopo anni di procrastinazione - si converte, allora Dio ha grandissima difficoltà a far cessare le sue abitudini peccaminose - una per una - che gli aderiscono così fortemente.

Non c’è da sorprendersi che i giovani siano spaventati da questo tipo di Cristianità e la evitano come una piaga.

In genere, il timore che le persone hanno di Dio li porta al massimo a passare qualche volta per una chiesa o una cappella e ad ascoltare ad un sermone. Come persone che si trovano nel fango fino alle ginocchia, si aggrappano a tutte le loro abitudini peccaminose, avanzando con fatica come se la vita cristiana fosse qualcosa che viene da Satana stesso. Non c’è da meravigliarsi che i giovani siano spaventati da questo tipo di cristianità e la evitano come una piaga.

La cristianità per i giovani

Che cosa dice l’apostolo sulla cristianità? “Siate miei imitatori, come anch’io sono di Cristo.” 1 Corinzi 11:1. Questa è un obbiettivo per cui vale la pena lottare, che vale la pena raggiungere in Cristo. Questa cristianità si addice molto ai giovani. Non devi lottare tutta la tua vita per rinunciare ad un determinato peccato. Taglialo con un veloce colpo di spada - perché ci sono centinaia di altre cose nella tua vita che devono essere anche tagliate via, una ad una. Questa è la via della santificazione, e tutti i nemici della croce la odiano. Questa è anche la via della forza, e i giovani vi prosperano, perché possono porsi delle alte mete, per questa vita e per la vita che verrà.

La vita cristiana è una vita incrollabile, appagante e genuina.

La croce di Cristo è vantaggiosa e il suo giogo è leggero. La vita cristiana è una vita incrollabile, appagante e genuina. Se vuoi trovare persone fidate, affidabili, cercale sulla via della croce. Il parlare della croce non è la croce; è semplicemente chiacchiericcio. Tu trovi la croce vivendo una vita di abnegazione: odiando il peccato e consciamente rigettandolo nella tua vita. La vita deve essere la nostra dottrina e la dottrina la nostra vita.

Ci sono artisti che sono molto dotati, ciononostante vivono delle vite immorali. Ci sono anche predicatori dotati che non hanno idea di che cosa sia veramente la croce di Cristo - in spirito e in verità. I doni non sono la vita; sono dei talenti e delle abilità che possono essere usate sia che si vive secondo la carne sia che si vive secondo lo Spirito. Se vuoi un futuro e una speranza, allora segui Cristo. Non stare lì a dormire in qualche sala per assemblee. Non credere che vivere una vita confortevole, religiosa sia la cristianità. L’ubbidienza della fede è l’unica cosa che ha vero e duraturo valore. Non vale la pena prendere in considerazione nient’altro.

Una luce per la nostra generazione

Voglio esortare tutti coloro che camminano sulla via della croce: Professa la Parola in ogni occasione favorevole e sfavorevole, così che gli occhi delle persone possano essere aperti per tutte le vuote e profane banalità riguardo a verità divine. Sii una luce per la tua generazione mostrando la follia che si presenta in forma di un angelo della luce. Gesù lottò tutta la Sua vita contro coloro che, a causa del modo in cui vissero, proiettarono un’immagine distorta delle verità di Dio.

Usa il tempo. Convinci le persone una per una. Non è la posizione che occupa una persona che lo rende prezioso, piuttosto la sua abilità di aiutare gli altri a diventare qualcosa per Dio e la Chiesa. Vale la pena lottare per questo perché la salvezza degli altri sarà la nostra corona e la nostra ricompensa quel giorno.

La chiesa di Dio ha bisogno di uomini e donne che sono completamente permeate con la “Luce della Vita.”

La vita è la luce degli uomini. (Giovanni 1:4) Nessuno ha più luce della vita che ha vissuto - persino se ha molte buone teorie. La scuola biblica non può dare la luce agli studenti. Al contrario, viene loro dato un assaggio alla conoscenza che gonfia. Gesù istruì i suoi discepoli nella scuola della vita giorno e notte, sulla terra e in mare. Questo era il giusto tipo di scuola biblica. A parte questo, l’uomo naturale riesce solo ad afferrare le Scritture tramite i suoi sensi allo stesso modo come capisce la storia, la geografia, la matematica e le lingue.


© Copyright Stiftelsen Skjulte Skatters Forlag|brunstad.org
Estratto da un articolo pubblicato nel periodico della BCC “Skjulte Skatter” (“Tesori nascosti”) nel 1924, sotto il titolo “La vita è la luce di un uomo”.