Devo cambiare la mia personalità per essere come Cristo?

Devo cambiare la mia personalità per essere come Cristo?

Scritto da: Nellie Owens | Pubblicato: lunedì 4 aprile 2016

La vita di un cristiano include cambiamento, ma devo smettere di essere "me stesso?"

Non c’è alcun dubbio che la vita di un cristiano includa un cambiamento. La Bibbia parla di una vita di completa e assoluta trasformazione. Da cristiani siamo predestinati ad essere conformi all’immagine di Gesù Cristo. (Romani 8:29) Non c’è una vocazione più grande di questa!

Ma cosa significa in effetti questo in pratica? Dobbiamo cambiare la nostra personalità: il nostro senso dell’umorismo e tutte le nostre qualità naturali, al fine di essere come Cristo?

Siamo individui in Cristo

Dio stesso ci ha creati. Lui ci ama così come siamo e ha dato ad ognuno di noi la nostra personalità e un insieme di qualità che sono individuali e uniche per noi.  Noi non dobbiamo cambiare la nostra personalità per essere resi conformi all'immagine di Cristo (Romani 8:29), ma siamo chiamati a seguirlo e servirlo come individui unici. "Ora vi è diversità di doni, ma vi è un medesimo Spirito. Vi è diversità di ministeri, ma non v'è che un medesimo Signore. Vi è varietà di operazioni, ma non vi è che un medesimo Dio, il quale opera tutte le cose in tutti" 1 Corinzi 12:4-6.

Dio stesso ci ha creati. Lui ci ama così come siamo e ha dato ad ognuno di noi la nostra personalità e un insieme di qualità che sono individuali e uniche per noi.

Tuttavia, indipendentemente dalla personalità che abbiamo, non è così difficile vedere che qualcosa in noi ci impedisce di seguire l'esempio di completa purezza di Gesù. Paolo ha scritto: "Mi trovo dunque sotto questa legge: quando voglio fare il bene, il male si trova in me." Romani 7:21.

Abbiamo una natura corrotta

Non è naturale per noi rispondere alle nostre situazioni e agli altri con la purezza che è in Cristo. Un commento sarcastico, per esempio, che era stato pensato in maniera innocua, può facilmente portare ad un vero disprezzo per un’altra persona, ad irritazione o al desiderio di avere sempre l’ultima parola in una conversazione. Allo stesso modo, altre cose che facciamo regolarmente, come anche i nostri pensieri e le nostre parole possono essere macchiate da intenzioni impure, timore degli altri, ansia, gelosia, orgoglio, egoismo, ecc. Queste cose non sono parte della nostra personalità, ma sono tendenze al peccato ("peccato nella carne") che ogni persona ha ereditato alla nascita.

Non è naturale per noi rispondere alle nostre situazioni e agli altri con la purezza che è in Cristo.

La Bibbia ci dice che questo è il risultato della caduta. Quando Adamo ed Eva disobbedirono a Dio nel giardino dell’Eden, il peccato avvelenò la loro natura umana. L’umanità si era data alle passioni e ai desideri della propria carne naturale corrotta e il peccato aveva preso il sopravvento nei pensieri e nelle menti delle persone. (Genesi 6:5)

Purificando noi stessi

Tuttavia, Gesù è venuto per offrirci una via d’uscita da questa natura peccaminosa: una via alla completa purezza, per seguire Lui e a diventare simile alla sua immagine! Giovanni scrive che tutti coloro che sperano di essere come Cristo purificano se stessi, così come Cristo è puro. (1 Giovanni 3:3)

Se vogliamo essere come Gesù, allora purifichiamo noi stesso, o rinneghiamo, tutto quello che va contro la buona e perfetta volontà di Dio, nell’ubbidienza alla verità. (1 Pietro 1:22) Niente dovrebbe essere usato come uno scudo o una scusa per poter fare regnare il peccato nella nostra vita. Dobbiamo usare la Parola di Dio per giudicare i nostri pensieri, le nostre parole e le azioni e separarci da tutto il peccato!

Gesù è venuto per offrirci una via d’uscita da questa natura peccaminosa: una via alla completa purezza, per seguire Lui e a diventare simile alla sua immagine!

“Infatti la parola di Dio è vivente ed efficace, più affilata di qualunque spada a doppio taglio, e penetrante fino a dividere l'anima dallo spirito, le giunture dalle midolla; essa giudica i sentimenti e i pensieri del cuore.” Ebrei 4:12.

In altre parole usiamo la Parola di Dio per giudicare i nostri pensieri e le nostre azioni e rifiutiamo consapevolmente (o anche ci purifichiamo da) ogni cosa che ha la sua radice nel peccato. Facendo così, imitiamo Gesù, il primo essere umano in cui Dio è stato in grado di condannare il peccato nella carne, quando Gesù ha negato il desiderio a peccare che trovava nella sua propria natura umana. (Romani 8:3)

Liberi per servire Dio esattamente come siamo

Diventare come Cristo ci richiede di purificare noi stessi nell’ubbidienza alla Parola di Dio. Seguiamo l'esempio di Gesù di condannare il peccato nella nostra carne. Facendo così, diventiamo come Lui! Siamo liberati da cose come il timore degli altri, ansia, gelosia, impurità, orgoglio ed egoismo e aumentiamo nelle virtù di Gesù ogni giorno.
 

Ci sono cose che soltanto tu e la tua personalità possono compiere ed è il desiderio di Dio che possa usare sia te che la tua personalità per eseguire una varietà di opere buone!

Il peccato non ci lega più e non limita i nostri pensieri e le nostre azioni! Siamo liberi di essere noi stessi e possiamo essere fiduciosi in ciò che facciamo e diciamo da un cuore pure, indipendentemente dalla personalità che abbiamo.

Dio ha preparato opere per ognuno di noi. In Efesini 2:10 sta scritto, “Infatti siamo opera sua, essendo stati creati in Cristo Gesù per fare le opere buone, che Dio ha precedentemente preparate affinché le pratichiamo.”Inoltre, ci sono cose che soltanto tu e la tua personalità possono compiere ed è il desiderio di Dio che possa usare sia te che la tua personalità per eseguire una varietà di opere buone! Quando ognuno di noi purifica se stesso nell'obbedienza alla Parola di Dio, diventeremo sempre più simili a Cristo. Non solo questo, diventeremo anche sempre più liberi per essere un individuo in Cristo, esattamente come voleva Dio.