È estremamente importante che Dio possa parlarci costantemente

È estremamente importante che Dio possa parlarci costantemente

Pubblicato: lunedì 23 gennaio 2017

Esther Smith era una “guerriera della preghiera”, una donna timorosa di Dio con uno stretto rapporto personale con Gesù.

Lottò per se stessa e per gli altri nella preghiera. Le sue preghiere avevano forza presso Dio, e tramite questo rapporto personale con Dio riusciva anche a sentirlo. Era una serva del Signore e un solido pilastro nella chiesa, e non in ultimo nella sua propria casa.

Qui di seguito una raccolta di citazioni di Esther Smith, registrate da conversazioni avute con lei prima che andasse a casa con Gesù nel 2007, e raccolte in un libro “Esther Smith – Una Vita in Comunione con Gesù e i Santi”.

“Dobbiamo rimanere costantemente in uno stato di preghiera; non è qualcosa che facciamo solamente un paio di minuti di tanto in tanto, o in certe occasioni quando ci troviamo in particolare bisogno. È estremamente importante che Dio ci parli costantemente. Questo rende molto più semplice cercare il regno dei cieli in ogni momento".

Una collaboratrice di Gesù

Esther Smith aveva forza nel suo spirito. Tramite la preghiera e il comunicare con Dio, ricevette anche suggerimenti riguardo a varie situazioni che riguardavano la sua vita e la chiesa. Aveva un rapporto aperto con Lui nel proprio cuore, una conversazione bilaterale. Era una collaboratrice di Gesù, una collaboratrice fedele con autorità nel proprio spirito.

“Se sei vigile, Dio ti può suggerire le cose più straordinarie. Il mio desiderio è di essere veloce nel sentire e veloce nell’agire".

Dio ha ordinato le cose in modo tale che Lui si conceda di essere influenzato dalle nostre preghiere! La preghiera del giusto ha una grande efficacia.

“Oggi non faccio nulla senza portarlo davanti a Gesù. Lui è il mio migliore amico, e sono felice di aver capito gli ordini che Lui ha emesso. Abbiamo una vita così buona quando ci diamo completamente alla volontà di Gesù, e possiamo anche spiegarlo ai nostri figli. Quando poni te stesso nelle mani di Gesù, momenti difficili e i momenti di prove diventano brevi e leggeri. Mi sento molto dipendente dalla Parola di Dio—ne ho bisogno ogni singolo giorno".

“In certe situazioni e con certe persone, forse notiamo che non siamo riempiti con tutto il desiderio verso ciò che è buono. Allora in tutta semplicità, possiamo pregare, “Caro Dio, riempimi con tutto il desiderio per ciò che è buono!” So che questa è una preghiera secondo la volontà di Dio, e posso credere di aver ricevuto quello per cui ho pregato, come sta scritto, "Questa è la fiducia che abbiamo in lui: che se domandiamo qualche cosa secondo la sua volontà, egli ci esaudisce. Se sappiamo che egli ci esaudisce in ciò che gli chiediamo, noi sappiamo di aver le cose che gli abbiamo chieste.” 1 Giovanni 5:14-15.

Insegna ai figli a pregare di poter essere riempiti con ogni desiderio per ciò che è buono. Dovremmo imparare sempre più a lavorare assieme a Dio in questa lotta – il nostro operato deve correre parallelamente all'opera di Dio. Gesù prega per noi giorno e notte, e noi dovremmo fonderci con le Sue preghiere per noi e per la chiesa.”

“La preghiera è incredibile! Dio ha stabilito le cose in modo tale che Lui conceda di farsi influenzare dalle nostre preghiere! 'La preghiera del giusto ha una grande efficacia'. Giacomo 5:16. Muove il cuore di Dio ad agire, e Lui invia i Suoi angeli per proteggere e salvare coloro per cui preghiamo".

Un sospiro nel quotidiano

“La preghiera è stata veramente un fondamento nella mia vita. Possiamo andare a Dio con tutto. Naturalmente preghiamo per cose spirituali nella nostra lotta contro il peccato nella nostra carne, ma ho anche spesso pregato per situazioni nel quotidiano. Quando sono davanti ai fornelli a preparare la cena, spesso prego affinché Lui benedica il cibo e coloro che lo mangeranno. Prego anche per le persone per cui lo Spirito Santo mi suggerisce di pregare."

Uno dei figli di Esther racconta: “‘Caro Gesù, caro Gesù!’ A casa, sentivamo continuamente questa semplice preghiera dal cuore. Quando c’era una situazione difficile, lo sentivamo spesso, ma sentivamo anche questo sospiro regolarmente nella vita quotidiana - un sospiro che veniva su dal suo onesto desiderio di vivere una vita degna e gradita davanti al Suo cospetto.

A casa era normale pregare per tutto. Pregare veniva in modo naturale. Non era qualcosa di recitato, ma una preghiera direttamente di riconoscimento del suo bisogno della grazia di Dio e di aiuto nella svariate situazioni della vita. La santità di mamma non era qualcosa di 'riposto' e tirato fuori solo in occasioni speciali. Era una cristianità quotidiana, nel senso migliore e più profondo della parola. Sia che si trattasse di test a scuola, o decisioni particolarmente gravose durante il giorno, quando c’era pericolo o diversi bisogni, mamma pregava. Persino per compiti giornalieri, cucinare o fare i piatti, sentivamo costantemente questi sospiri dal suo cuore: ‘Caro Gesù! Caro Gesù!’ Lei perseverava nella preghiera e non smetteva fino a quando era stata ascoltata. Le sue preghiere avevano forza in Dio ed erano efficaci”.

La santità di mamma non era qualcosa di 'riposto' e tirato fuori solo in occasioni speciali. Era una cristianità quotidiana, nel senso migliore e più profondo della parola.

Pressare Dio con un bisogno personale

“Perché dobbiamo pregare? Noi preghiamo perché ci manca qualcosa. Coloro che sono ricchi e soddisfatti non hanno bisogno di nient’altro. Dobbiamo essere umili e pieni di riconoscimento, e dobbiamo cercare cose nella nostra vita che possiamo riconoscere. Per crescere in Cristo, devi badare attentamente a te stesso. È veramente importante pregare per trovare cose da riconoscere. Ho pregato molto per questo durante gli anni, ed è vitale fare così.

Quando riconosci la verità, diventi genuinamente felice e libero dalle cose che ti hanno legato. Una cosa è essere liberati dai peccati manifesti, ma la nostra chiamata è anche di essere liberati da noi stessi, dalla nostra natura, dal modo in cui siamo. Dobbiamo essere resi conformi all’immagine di Gesù Cristo”.

“Sono sempre stata nel bisogno e in povertà di spirito. Quando si presentano le situazioni, ho sempre pregato e ho ricevuto aiuto, di solito tramite una parola di Dio. Dovremmo parlare a Dio delle nostre situazioni e poi ascoltare e leggere. In questo modo, riceviamo consiglio da Dio e vero aiuto nelle nostre situazioni”.

Perché dobbiamo pregare? Noi preghiamo perché ci manca qualcosa. È veramente importante pregare per trovare cose da riconoscere.

“Dobbiamo avere un fuoco di zelo contro il peccato. È incredibilmente importante piantare questo nei cuori dei giovani. Il diavolo vuole distruggere le loro anime.

È veramente possibile vivere una vita felice mentre si resiste il peccato fino al sangue. Più pratichi questo, più velocemente finisci con il peccato, e poi il risultato è una gioia celeste e felicità. Poi sei costantemente felice; hai una vita molto buona che ti rende possibile portare i pesi degli altri con gioia”.

“Prego ferventemente di essere riempita con una sconfinata gratitudine per tutto quello che succede. Prego di essere riempita con una gioia celeste ed essere preservata con fede ardente nel mio cuore fino al mio ultimo respiro. Dio ha cose che vuole compiere in noi mentre siamo qui. Fino a quando siamo in terra, ci sono nemici da sconfiggere.”

Estratti presi dal libro di “Esther Smith - Una vita di comunione con Gesù e i Santi”, pubblicato originariamente in norvegese nel 2012 da Skjulte Skatters Forlag.
© Copyright Stiftelsen Skjulte Skatters Forlag