Il Cristianesimo vale il suo prezzo?

Il Cristianesimo vale il suo prezzo?

Scritto da: Brian Janz | Pubblicato: giovedì 5 dicembre 2013

La Bibbia ci dice che per poter essere un Cristiano dobbiamo rinunciare alla nostra vita. Ma vale veramente la pena?

Essere cristiano ha un prezzo alto. In 1 Giovanni 2:6 sta scritto che “Chi dice di rimanere in Lui, deve camminare com’egli camminò.” Se vuoi essere un Cristiano, la Bibbia ti dice che è necessario che tu rinunzi alla tua volontà e che vivi la vita che visse Gesù. Essere un Cristiano significa che “non sono più io che vivo ma Cristo vive in me.” (Galati 2:20) Non è solo un hobby. Richiede tutta la tua vita.

Perchè rinunciare a tutta la vita per questo?

Quindi cosa potrebbe avere il valore di tutta la tua vita che non potresti ottenere da qualche altra parte? Che cos’è che rende il cristianesimo così speciale che dovresti per questo rinunziare alla tua vita? Essere un cristiano vale veramente il prezzo che ha?

Quando perdi la tua vita, cioè quando dici, “OK, Signore, ho deciso che la mia vita è tua, fanne quello che vuoi. Io non interferirò.”

“Perché chi vorrà salvare la sua vita la perderà, ma chi avrà perduto la sua vita per amor mio, la troverà.” (Matteo 16:25) Che cosa significa perdere la tua vita per amor Suo? E cosa significa trovarla? Quando perdi la tua vita, stai rinunziando alla tua volontà. Questo avviene quando dici, “OK, Signore, ho deciso che la mia vita è tua, fanne quello che vuoi. Io non interferirò.”

E quando la trovi, è quando il Signore ti dice, “Grazie, farò in modo di prendermi cura di te, e ti darò una pace e una gioia incommensurabili sia in questa vita che nell’eternità."

Benedetto oltre la capacità di comprensione

È scritto in Malachia 3:10, “Portate tutte le decime alla casa del tesoro perché ci sia cibo nella mia casa; poi mettetemi alla prova in questo, dice il Signore degli eserciti; vedrete se io non vi aprirò le cateratte del cielo e non riverserò su di voi tanta benedizione che non vi sia più dove riporla.” Pensa a questo per un secondo.  Sarai benedetto così tanto che non ci sarà spazio per riporla!

Ma tu devi prima rinunziare alla tua vita.

"Signore, non la mia ma la tua volontà."

È come se sei in una macchina e non sei così bravo a guidare, ma quando lasci entrare Dio e ti lasci istruire, allora scopri che Lui ti porterà in un posto che è molto migliore rispetto a quello dove stavi andando prima. E forse alcune volte tu cerchi di sterzare in un’altra direzione a causa delle curve della strada e non sai quello che c’è dietro l’angolo. Può essere difficile affidare tutto a Lui. Ma finché tu fai così, Dio non sarà in grado di fare un lavoro nella tua vita. Lui non ti può aiutare se ti ostini a fare tutto a modo tuo.

Ma quando Dio ti dice che adesso devi sederti ed essere paziente mentre quello che vuoi fare in realtà è strappare i nostri capelli e urlare per la frustrazione, allora puoi dimostrare a Lui che davvero hai rinunziato alla tua volontà.

Rinunciare a tutto per Dio non avviene automaticamente. La Bibbia ti dice che ci sarà da combattere. Ma quando Dio ti dice che adesso devi sederti ed essere paziente mentre quello che vuoi fare in realtà è strappare i nostri capelli e urlare per la frustrazione, allora puoi dimostrare a Lui che davvero hai rinunziato alla tua volontà.  Allora puoi dire, “Signore, non la mia volontà, ma sia fatta la Tua.” E se lo fai, allora Lui ti aiuterà a vincere così realizzerai che sebbene “Io non voglio, Io non mi sento, Io ho delle idee migliori su quello che io dovrei fare, allora io posso dire che non sono più Io che vivo ma Cristo vive in me.”  Se fai questo allora Dio ti darà la vittoria!

E tu diverrai più felice di quanto lo sia mai stato prima.

Cosa posso ottenere da questo?

Tutta la tua vita è piena di opportunità come questa. Chi non ha sentito più e più volte che la propria carne si erge dentro di sé? Chi non ha sentito quella rabbia, impazienza, gelosia, invidia o concupiscenza che è radicata così profondamente nella nostra natura?

Quella vocina che dice: “Non posso rinunziare alla mia vita. Ne ho bisogno. Non voglio vivere come Gesù. Voglio fare di testa mia. Perché dovrei fare le cose nel modo che vuole Dio? Che cosa mi dà in fondo?”

Quello che ti dà è che Dio ti rende felice! Tu non sai come diventare felice. Tu pensi di saperlo, forse pensi addirittura di essere felice adesso, ma vivere secondo la tua volontà  - è il piacere passeggero del peccato!É una felicità fredda e vuota che passa velocemente e ti lascia peggio di come stavi prima.

Una vita felice

Non cercare di salvare la tua vita. Allora la perderai; la sprecherai cercando di essere felice in un modo in cui non è possibile esserlo. Perdi la tua vita volontariamente, dalla a Dio. Allora troverai una vita di felicità. E la manciata di anni che trascorrerai sulla terra sarà riempita di vera gioia, ma c’è di più di questo. Dio ti ama così tanto, che Lui vuole tu sia felice per l’eternità e dopo che hai finito di vivere qui – dopo che hai trascorso la tua vita dicendo, “Sì, voglio fare quello che Dio vuole che io faccia, invece di quello che mi vogliono far fare le mie passioni” – allora ricevi un’altra vita ancora migliore di questa e non finirà in ottant’anni circa. Questa è eterna!

Immaginati di aggrapparti ad una tremolante, piccola candela perché non ti rendi conto che ti è stato dato il sole!

Quindi quando chiedi “ne vale veramente la pena?” hai appena avuto modo di renderti conto che si tratta di un accordo. Tu stai scambiando la tua vecchia vita, piena di incertezze e piaceri vuoti, per ricevere in cambio una vita completamente nuova; una vita che è molto meglio, tanto da non poterla nemmeno confrontare! Immaginati di aggrapparti ad una tremolante, piccola candela perché non ti rendi conto che ti è stato dato il sole!

Non ne vale la pena allora? Non vale la pena rinunziare alla tua vecchia vita in cambio di una gioia e una salvezza eterna? Dio aspetta che tu rinunzi alla tua vita cosicché Lui possa adempiere alla sua parte dell'accordo. Lui vuole anche il meglio per te. Devi solo fare la tua prima mossa.