La preghiera: Una potente arma segreta

La preghiera: Una potente arma segreta

Scritto da: Aksel Smith | Pubblicato: mercoledì 23 novembre 2016

La preghiera è una potenza. Tocca forze eterne e le mette in moto; muove Dio all'azione. È il ministero interiore davanti al cospetto di Dio ad essere il più temuto da Satana perché la preghiera è una potenza, la fioritura di un intenso lavoro spirituale che risulta in grandi opere visibili.

La forma suprema di preghiera è un lavoro spirituale interiore, cosciente, chiaro, in armonia con il nostro rande Sommo Sacerdote per mettere in pratica il piano di Dio per la sua chiesa. La preghiera richiede che il corpo, l’anima e lo spirito siano soggetti alla forza dello Spirito Santo. Richiede tranquillità; poiché solamente ascoltando la sua voce la stessa preghiera che pregò Gesù può penetrare nel nostro spirito.

Satana cerca di impedirti di pregare

È fondamentale per Satana che tu non preghi. La preghiera interferisce con la sua forza, disturba i suoi piani, e distrugge il suo regno. Lui riempie il tuo corpo, la tua anima e il tuo spirito con inquietudine. Il tuo corpo è stanco, la tua mente è esausta, il tuo spirito è depresso. Questo è tutto il lavoro di Satana per impedirti di pregare.

Quando ti inginocchi a pregare, ti rendi conto che il tuo corpo non vuole essere in ginocchio. Tutto il tuo corpo protesta con irrequietudine; tu ti contorci per un po', e poi ti alzi. Satana ha ottenuto la vittoria attraverso il tuo corpo. Il tuo corpo deve essere un sacrificio vivente e gradito a Dio. Il corpo deve essere mantenuto in soggezione - sotto controllo dello Spirito. Non deve dominare, ma essere dominato.

La preghiera interferisce con la forza di Satana, disturba i suoi piani e distrugge il suo regno.

Satana influenza la vita della tua anima fino al punto in cui tu non riesci a pregare. Lui influenza i tuoi sentimenti, e poi ti dice che non sei "nello stato d’animo” di pregare e tu non "ti senti” di pregare. Lui gonfia i tuoi sentimenti in un leggero, insignificante stato di felicità o li sgonfia in scoraggiamento così che ti senti sfinito. Porta la tua mente ad essere esausta dalle fatiche esterne; ti dice che devi prenderla con comodo. Lui mette pressione sul tuo spirito così che la tua mente sia oppressa, o lascia vagare i tuoi pensieri in lungo e in largo. La tua mente diventa insolitamente attiva quando vuoi pregare. Poi Satana sussurra, “Aspetta un momento più adatto".

Quindi Satana deruba i figli di Dio dal loro lavoro più fruttifero. Qui riceviamo un piccolo barlume di un ramo dell'attività di Satana. Paolo dice, “non ignoriamo le sue macchinazioni”. (2 Corinzi 2:11)

Nota i sotterfugi di Satana quando hai vinto e sei entrato in una straordinaria comunione con Dio. Non appena hai assaggiato la benedizione della presenza di Dio, Satana ti sussurrerà, “Adesso basta”. Puoi alzarti e ringraziare Dio per quello che hai ricevuto, ma Satana ti ha ingannato. Dio voleva che tu continuassi nella preghiera. Dio non è frettoloso nel suo lavoro, come lo siamo noi esseri umani. L'intenzione era che tu non solo dovessi pregare fino a quando avessi ottenuto questa beata sensazione nel tuo cuore, ma che tu pregassi per una pienezza delle benedizioni così che tu non andassi mai a mani vuote verso nessuno, ma che portassi con te una pienezza di benedizioni spirituali. Non viviamo questa vita solamente per ricevere un poco per noi stessi. Noi siamo in debito verso gli altri per portare loro fiumi di benedizioni.

La preghiera è una lotta spirituale

Satana non odia tanto un’anima come quella di colui che sa come pregare. Di conseguenza, una tale anima è anche impegnata nella guerra.

Dopo aver ottenuto le benedizioni nella tua propria anima attraverso la preghiera, Satana dirà, “Adesso basta; adesso sei stato benedetto". Non ascoltarlo. Adesso che hai sperimentato che puoi ottenere le benedizioni sulla tua anima attraverso la preghiera, dovresti anche sapere che puoi pregare ed ottenere la benedizione per altre anime. In questo sta il ministero interiore. Non pregare solamente per un parente vicino e un paio di altre persone di cui hai sentito che sono in difficoltà. Allarga il posto della tua tenda. Prega così che fiumi di benedizioni possono scendere sui cuori asciutti, sui luoghi asciutti. Tramite la preghiera versa una pienezza di grazia su tutta la chiesa e su tutti coloro che Dio ha incaricato nella chiesa per servire i santi. La loro benedizione sarà un frutto del tuo lavoro al cospetto di Dio. Tu noterai progresso nel loro lavoro; la loro vita interiore cresce, e Dio li purifica.

Tu puoi arricchire le persone di Dio con tesori celesti in silenzio davanti al cospetto di Dio senza che nessuno lo sappia. Non c’è altro ministero così fruttifero; per tale motivo, Satana non odia altra anima talmente tanto quanto quella che sa come pregare. Di conseguenza, una tale anima è anche impegnata nella guerra. Questa è una lotta nel mondo degli spiriti. Come seguaci di Gesù è l'obbligo di tutti entrare nei ranghi.

Riposo in Dio non è lo stesso della pigrizia spirituale. Un riposo passivo è il ponte che porta alla pigrizia. Sii parte del lavoro così che la sposa di Gesù, la chiesa, possa essere presentata pura davanti a Lui. È un privilegio esserne parte. Entra nelle stanze segrete del tuo cuore; lì puoi vivere con il tuo Dio in una vita di preghiera operativa. Non vorrai mai lasciare questo posto se vuoi vincere pienamente.

Quest’articolo è stato pubblicato per la prima volta in Norvegese nel periodioco “Skjulte Skatter” (“Tesori Nascosit”) nel 1912 con il titolo “La preghiera è lavoro”.
© Copyright Stiftelsen Skjulte Skatters Forlag