La prima straordinaria promessa: L’albero della vita

La prima straordinaria promessa: L’albero della vita

Scritto da: Kathryn Albig con Bjørn Nilsen | Pubblicato: giovedì 16 luglio 2015

“Chi ha orecchi ascolti ciò che lo Spirito dice alle chiese.  A chi vince io darò da mangiare dall’albero della vita, che è nel Paradiso di Dio.” (Apocalisse 2:7)

Dio ama la sua creazione. Il peccato l'aveva corrotta, ma adesso lui ha un piano per riportarlo al suo stato originale di perfezione, e ricompenserà quelli che lo aiutano a eseguire il suo piano.

Il peccato era nato a causa del desiderio di Satana di porsi al di sopra di Dio, e questo ha distrutto l’armonia del cielo. Adesso Dio ha bisogno che il peccato sia completamente sradicato da tutta la sua creazione, in modo tale che non vi sia alcuna possibilità che accada di nuovo.

Così Dio ha creato gli uomini con l’espressa intenzione che avessero dominato il peccato. (Genesi 4:7) Tutto il suo piano è che gli uomini vivano una vita in cui odiino e resistano al peccato, e dicano si a Lui – per vincere. Chi vince il peccato nella propria vita dimostra che la via di Dio è perfetta, e fa parte del lavoro di annullamento del peccato per tutta l’eternità. Chiunque fa questo proverà la ricca ricompensa del vivere una tale vita. Queste promesse si applicano a tutti coloro che vincono.

Vita eterna

L’albero della vita è il simbolo della vita eterna.

Tra gli alberi del giardino dell'Eden, Dio aveva posto l’albero della vita, e l’albero delle conoscenza del bene e del male. Lui disse ad Adamo ed Eva che potevano mangiare liberamene da ogni albero, fatta eccezione dell’albero della conoscenza. Una regola semplice.

Loro scelsero la loro volontà rispetto alla buona e perfetta volontà di Dio, e attraverso questa semplice azione, il peccato è entrato anche nel mondo.

Ma tu conosci la storia. Eva fu disobbediente e mangiò comunque dall’albero, essendo stata ingannata da Satana, sotto forma di un serpente. E convinse Adamo a fare lo stesso. Loro scelsero la loro volontà rispetto alla buona e perfetta volontà di Dio, e attraverso questa semplice azione, il peccato è entrato anche nel mondo. 

Se avessero mangiato dall’albero della vita adesso, avrebbero ottenuto la vita eterna. Allora il peccato sarebbe entrato nell’eternità. Dio tagliò l’accesso all’albero della vita. “Così egli scacciò l’uomo e pose a oriente del giardino d’Eden i cherubini, che vibravano da ogni parte una spada fiammeggiante, per custodire la via dell’albero della vita.” (Genesi 3:24) Persero la loro opportunità per la vita eterna.

Ma grazie a quello che Gesù ha fatto per te, adesso vivi in un tempo in cui hai nuovamente l’opportunità di “mangiare” dall’albero della vita. Che cosa significa? Ogni volta che scegli di fare la volontà di Dio piuttosto che la tua, entri in possesso di qualcosa di eterno; hai guadagnato qualcosa nel tuo cuore che ha valore eterno. Ogni volta che resisti alla tentazione e vinci il peccato, dai un morso al frutto dell’albero della vita. Stai accumulando per la vita eterna sulla nuova terra che Dio crea. (Apocalisse 21:1)

Ogni volta che resisti alla tentazione e vinci il peccato, dai un morso al frutto dell’albero della vita.

Non ci sarà alcun peccato lì, neanche la tentazione a peccare. La vita eterna con Dio è la ricompensa per la vittoria sul peccato!