Pace costante

Pace costante

Scritto da: Aksel J. Smith | Pubblicato: domenica 20 novembre 2016

“Il Signore della pace vi dia egli stesso la pace sempre e in ogni maniera. Il Signore sia con tutti voi”. 2 Tessalonicesi 3:16.

Immagina di poter ricevere questa pace celeste nel tuo cuore, una pace che rimane sempre lì in tutte le situazioni possibili e in tutte le circostanze!

Sì, questa è la nuova vita naturale che il Signore della pace vuole darci. Allora tutto il resto diventerà strano e innaturale. Il regno di Dio consiste di giustizia, pace e gioia nello Spirito Santo. (Romani 14:17) Qualsiasi cosa al di fuori di questo non può essere unito con questo regno benedetto.

Immagina di poter ricevere questa pace celeste nel tuo cuore, una pace che rimane sempre lì in tutte le situazioni possibili e in tutte le circostanze!

“Beati quelli che si adoperano per la pace, perché saranno chiamati figli di Dio". Matteo 5:9. Gli altri hanno un nome diverso. Tutto il mondo è pieno di rivolte, inquietudine e ansia. “Non c’è “pace per gli empi” dice il Signore”. Isaia 48:22. Il loro signore non ha pace da dare loro, soltanto l’opposto.

Il Signore della pace, Gesù Cristo, aveva sempre pace. Lui era signore in tutte le situazioni. Gesù stava coricato nel retro della barca e dormiva mentre i discepoli erano riempiti di inquietudine e paura a causa della tempesta. Gesù disse loro, “Perché siete così paurosi? Non avete ancora fede” Marco 4:37-41. Gesù chiamò l’aver paura mancanza di fede. Se crediamo in un rapporto di fiducia infantile in Cristo, completamente coscienti che Lui ci conosce, ci vede, ci ama, e pianifica ogni cosa così che cooperi al nostro bene, allora la pace di Dio che supera ogni intelligenza, custodirà i nostri cuori e i nostri pensieri in Cristo Gesù.  (Filippesi 4:7)

"Benedetto è l’uomo che confida nel Signore,e la cui fiducia è il Signore. Egli è come un albero piantato vicino all'acqua, che distende le sue radici lungo il fiume; non si accorge quando viene la calura e il suo fogliame rimane verde; nell'anno della siccità non è in affanno e non cessa di portare frutto”. Geremia 17:7-8. Sì, questo è come è veramente con tutti coloro che confidano nel Signore e la cui fiducia è il Signore. Loro sono preziosi agli occhi del Signore e risaltano come caldi soli che sono riempiti di bontà in questo mondo buio e freddo.

La pace non può essere separata dalla giustizia, dall'osservare i Suoi comandamenti.

Il Signore della pace dà la sua pace ai suoi amici. I suoi amici sono coloro che lo amano e che osservano i suoi comandamenti, facendo qualsiasi cosa Lui comandi loro. (Giovanni 14:21; Giovanni 15:14) La pace non può essere separata dalla giustizia, dall'osservare i suoi comandamenti. Questo è il motivo per cui sta scritto: “Se tu fossi stato attento ai miei comandamenti la tua pace sarebbe come un fiume, la tua giustizia come onde del mare”. Isaia 48:18.
“Grande pace hanno quelli che amano la tua legge...” Salmi 119:165.
“A colui che è fermo nei suoi sentimenti tu conservi la pace, la pace, perché in te confida.” Isaia 26:3. Com’è sicuro e buono avere la nostra mente radicata in Cristo. Allora avremmo sempre pace. Gesù disse che noi non dobbiamo avere una mente ansiosa come i pagani. (Luca 12:29)

“E chi di voi può con la sua preoccupazione aggiungere un’ora sola alla durata della sua vita? Se dunque non potete fare nemmeno ciò che è minimo, perché vi affannate per il resto?” Luca 12:25-26. Non possiamo raggiungere nulla attraverso l’inquietudine e l’ansia che sia di beneficio e gioia per noi e per gli altri. Tuttavia, tramite una fede viva, la vita diventa ricca e interessante, con grande gioia e pace in una speranza viva.

Ci deve essere pace nella sede centrale se si vuole vincere una guerra. Questo è come dobbiamo essere anche nei nostri cuori per dichiarare le guerre del Signore e ottenere la vittoria. Per questo leggiamo, “Custodisci il tuo cuore più di ogni altra cosa, poiché da esso provengono le sorgenti della vita”. Proverbi 4:23.

Pace e santificazione vanno di pari passo.

Se vogliamo avere pace costante, allora dobbiamo rinunciare a tutto. È impossibile mantenere la pace fino a quando abbiamo pretese e cerchiamo onore. Dobbiamo essere completamente consacrati al Dio della pace in spirito, anima e corpo prima che la santificazione possa iniziare. Allora siamo separati e circoncisi nel cuore e nella mente per servire Cristo, così che lui possa compiere un’opera in noi.

Pace e santificazione vanno di pari passo. Pace senza santificazione porterà ad una pace morta, e finirai nell'assemblea dei defunti. “L’uomo che smarrisce la via del buon senso, riposerà nell’assemblea dei defunti.” Proverbi 21:16. Questo è dove riposa la maggior parte delle persone oggi. I predicatori mettono i loro membri “sotto il sangue”, dove possono restare al sicuro in ogni genere di peccati. Tutto quello che devono fare è emanare un sospiro prima di morire (dicono), e saranno la sposa di Cristo. I profeti che hanno proferito menzogne, erano in maggioranza nel vecchio patto, e sono in maggioranza nella predicazione del nuovo patto.

“Impegnatevi a cercare la pace con tutti e la santificazione senza la quale nessuno vedrà il Signore...” Ebrei 12:14. “Se è possibile, per quanto dipende da voi, vivete in pace con tutti gli uomini”. Romani 12:18. Saremo sempre la fonte di agitazione—persino nelle piccole cose- se non siamo liberati del tutto dal mondo e dalle cose nel mondo.

Leggi Romani 14 e vedi come Paolo li esorta a conservare la pace con i loro fratelli che possono essere più deboli nella fede o che abbiano opinioni diverse in una questione. In Romani 14:19 lui scrive, “Cerchiamo dunque di conseguire le cose che contribuiscono alla pace e alla reciproca edificazione".

Gesù è chiamato il principe della pace. Il millennio sarà un regno di giustizia e di pace, che Lui edificherà assieme a tutti coloro che hanno ricevuto il suo regno nei loro cuori adesso. “Osserva l’uomo integro e considera l’uomo retto, perché l’uomo di pace avrà una discendenza”. Salmi 37:37.

 

Quest’articolo è stato pubblicato per la prima volta in Norvegese nella pubblicazione “Skjulte Skatter” (“Tesori Nascosti”) della BCC nel giugno del 1968.
© Copyright Stiftelsen Skjulte Skatters Forlag