Passioni giovanili: Come puoi capire la differenza tra tentazione e peccato?

Passioni giovanili: Come puoi capire la differenza tra tentazione e peccato?

Scritto da: David Risa | Pubblicato: martedì 6 settembre 2016

Conoscere la differenza tra tentazione e peccato è di vitale importanza per giungere ad una vita vittoriosa. Specialmente per quanto riguarda la vita dei pensieri.

“Fuggi le passioni giovanili!” è l’esortazione dell’apostolo Paolo al giovane Timoteo. (2 Timoteo 2:22) Anche se questo comprende molte aree diverse nella vita di un giovane, forse la più forte e più comune è nell'area del desiderio sessuale. Anche se questo impulso naturale non è di per sé peccato ed è una benedizione che Dio ha dato all'interno del matrimonio, la Bibbia rende chiaro anche che seguire questi desideri al di fuori del matrimonio è peccato, anche nella nostra vita dei pensieri. Tuttavia, questo impulso è così forte, che “fuggire” alcune volte sembra proprio impossibile.

Una linea distinta

Ma anche nella vasta sfera dei sentimenti impulsivi, delle emozioni e dei desideri impuri che la Bibbia chiama “passioni giovanili,” c’è una linea distinta tra la tentazione e il peccato. C’è davvero! Se stai faticando con queste passioni e questi sentimenti e hai difficoltà a vincerli, allora riconoscere la differenza tra tentazione e peccato è di vitale importanza. È anche la chiave ad una gioventù di vittoria e ad una vita veramente felice.

Distinguere la tentazione dal peccato ti consente di differenziare la vittoria dalla sconfitta e per qualcuno che è stato risvegliato alla sua vocazione celeste, soltanto la vittoria è abbastanza!

Forse fino ad ora, la linea tra tentazione e peccato è stata più che altro una vaga sfumatura per te. Ebbene, l’unico che vince in questo stato delle cose è il diavolo in persona. Egli non perderà l’opportunità di accusarti di peccare ogni volta che ti capita di vedere un ragazzo o una ragazza attraente.  Il suo scopo è di convincerti che hai peccato nel momento in cui qualcosa cattura il tuo sguardo o nella frazione di secondo in cui un pensiero appare nella tua mente. Quello che sta facendo in realtà è rimuovere ogni motivazione che potresti avere avuto di condurre una guerra contro le tue passioni giovanili! Dopotutto, se hai già “peccato,” perché preoccuparsi di combattere?

Distinguere la tentazione dal peccato ti consente di differenziare la vittoria dalla sconfitta e per qualcuno che è stato risvegliato alla sua vocazione celeste, soltanto la vittoria è abbastanza!

“Ha vivificato anche voi…”

“Dio ha vivificato anche voi, voi che eravate morti nelle vostre colpe e nei vostri peccati, ai quali un tempo vi abbandonaste seguendo l'andazzo di questo mondo, seguendo il principe della potenza dell'aria, di quello spirito che opera oggi negli uomini ribelli. Nel numero dei quali anche noi tutti vivevamo un tempo, secondo i desideri della nostra carne, ubbidendo alle voglie della carne e dei nostri pensieri; ed eravamo per natura figli d'ira, come gli altri.” Efesini 2:1-3.

Per essere “vivificati” è necessaria una vera grazia da parte di un Dio misericordioso e amorevole! Non solo sono perdonati i tuoi peccati e le tue trasgressioni, ma essere vivificati significa che Dio stesso ti ha raggiunto e ti ha risvegliato alla tua elevata e santa vocazione! Ciò non comporta che la tua natura peccaminosa scompaia, o che i tuoi desideri naturali svaniscano magicamente fino a quando ti sposi. Ma ti dà la consapevolezza del fatto che i peccati dai quali eri legato nascono tutti come delle tentazioni. In Giacomo 1:14 sta scritto che “invece ognuno è tentato dalla propria concupiscenza che lo attrae e lo seduce.” Sembra terribile non è vero? Essere attratti e sedotti suona quasi come se avessi già peccato. Ma è una tentazione, un piccolo squarcio di ciò di cui è piena la tua natura umana. E cosa più importante è una cruciale opportunità.

Ridefinire quello che trovi accettabile

Prima di approfondire la domanda da un milione di dollari di “quando la tentazione diventa peccato,” è importante notare che, riguardo alle passioni giovanili, è richiesto un grado di zelo e prontezza eccezionale per liberarsene, specialmente se si tratta di qualcosa di cui percepisci sei stato legato da un po’ di tempo.

La tentazione è uno squarcio di ciò di cui è piena la tua natura umana. E cosa più importante è una cruciale opportunità.

Dopo una conversione sincera e con tutto il cuore a Dio, è il momento per te di ridefinire quello trovi accettabile. Questo richiede onestà verso te stesso, in relazione a quello che ti permetti di guardare, leggere e ascoltare. Puoi chiederti, “Ma non ho la libertà di guardare quello che mi piace?” La semplice risposta è: “No!” La pace in questo campo può essere guadagnata soltanto attraverso la battaglia. Essendo umile abbastanza da prendere un approccio radicale in questa fase di esame di coscienza, non solo dimostri a Dio la tua serietà, ma risparmi te stesso da numerose tentazioni inutili! Dopotutto, se ti fermi e pensi alla corruzione a cui ti hanno portato le tue passioni fino ad ora, che cosa hai da perdere?    

Quindi quando esattamente la tentazione diventa peccato?

Il punto di cui sopra ha rimosso, per esempio, le tentazioni che derivano dal fatto che vai a guardare film pieni di impurità, ecc., ma parliamo di un cartellone elettronico che appare di fronte a te dal nulla, mostrando una pubblicità provocatoria. Diventa peccato dopo averlo guardato per un secondo intero? Tre secondi? Cinque…?

Gesù disse esplicitamente, “Chiunque guarda una donna per desiderarla, ha già commesso adulterio con lei nel suo cuore.” Matteo 5:27-28. Non dice, “Chiunque guarda una donna…” L’adulterio nel cuore è una decisione consapevole: guardare una donna per desiderarla. L’adulterio nel cuore è il primo passo sulla strada per commetterlo nella vita reale. Anche se non arrivi mai al punto di commettere adulterio fisico, essere uno schiavo dei tuoi occhi e delle tue passioni egoistiche in generale, ti impedisce di essere un vero discepolo – perché il discepolato richiede un cuore non diviso!

Il tentativo di impostare un lasso di tempo specifico sulla tentazione è un po’ come chiedere a Dio, “Per quanto tempo posso godere di questo senza commettere realmente peccato?” Per un discepolo integro di cuore, una domanda più rilevante sarebbe: “Che cosa faccio nel momento in cui mi rendo conto che guardare a questo cartellone dopo che l’ho visto è una mia scelta?”

La tua immediata obbedienza fa 'sì che Dio agisca.

Questa è quella finestra di tempo cruciale di opportunità; il momento in cui ti rendi conto che non c’è bisogno che continui a guardare!  Hai un’opzione, una scelta! Se ascolti le parole di Gesù e allontani i tuoi occhi dal cartellone, non hai commesso peccato! E tu lo saprai, perché i tuoi desideri sono stati accesi e urleranno perché il “nuovo tu” sta negando loro!

La tua immediata obbedienza fa ‘sì che Dio agisca. Lui non tarderà nel mandarti lo Spirito Santo che ti darà la forza per vedere attraverso la tentazione cosicché non soddisfi quel desiderio, o come sta scritto in Galati 5:17, “in modo che non potete fare quello che vorreste.”

È nelle comuni tentazioni giornaliere come questa che ti renderai conto perché Gesù doveva offrire preghiere a Dio con alte grida e lacrime e ti ritroverai a fare lo stesso. (Ebrei 5:7-8) Le preghiere in mezzo alla battaglia non sono sempre così ben formulate come altre volte. “Caro Dio, non voglio peccare! Non voglio peccare!” potrebbe essere il grido spontaneo e disperato dal tuo cuore che ripeti fino a quando senti che la battaglia è finita e la vittoria è vinta. Ma si tratta di una preghiera secondo il cuore di Dio!

Il “primo pensiero" come tattica di battaglia

Non appena neghi attivamente i desideri delle tue passioni giovanili, noterai come quello che era solito essere un insieme sfocato di tentazioni e peccati diventa sempre più chiaramente definito. In precedenza, saresti stato inchiodato dal flusso dei pensieri impuri che fluivano nella tua testa, senza capire di separare la tentazione dal peccato.  Adesso hai una mente rinnovata e un accresciuto senso di allerta, per non parlare della completa armatura di Dio a tua disposizione e dello Spirito Santo di Dio.  (Efesini 6:10-18) Una resistenza spirituale a quel “casuale” primo pensiero che viene in mente è essenziale per prevenire che diventi un peccato nascosto che alimenti nel tuo cuore.

Il timore divino migliora il tempo di reazione!

Quanto più attento e timorato di Dio sei, tanto più rapidi diventeranno i tuoi “tempi di risposta alla tentazione”. Sarai uno di quelli “che per via dell'uso hanno le facoltà esercitate a discernere il bene e il male.” Ebrei 5:14.

Una resistenza spirituale a quel “casuale” primo pensiero che viene in mente è essenziale per prevenire che diventi un peccato nascosto che alimenti nel tuo cuore.

I “figli d’ira” d’altra parte, hanno i loro sensi esercitati su come soddisfare al meglio i desideri della carne e della mente. (Efesini 2:1-3) Questo è chiaramente evidente nel modo in cui alcuni uomini allunghino sfacciatamente il loro collo, al solo avvicinarsi del suono di un paio di tacchi alti. In una situazione come questa, tu come giovane per esempio, e come discepolo di Gesù Cristo, dovresti fare la guerra contro la curiosità impura che viene suscitata e schiacciarla nella potenza dello Spirito Santo, prima che diventi potenzialmente una tentazione verso il “piacere degli occhi”.

Le persone che sono consapevoli della loro debolezza e che sono abbastanza umili da evitare di porsi in tentazioni inutili hanno un atteggiamento di cuore retto. Dio dà grazia a tali persone, non solo per discernere la tentazione dal peccato, ma anche la grazia per riuscire nel loro combattimento contro le passioni giovanili – passioni che sono la fonte di tanta miseria e di cui la maggior parte delle persone sono schiave, anche molto tempo dopo la loro gioventù.