Qual è il risultato della salvezza?

Qual è il risultato della salvezza?

Pubblicato: martedì 14 giugno 2016

L’apostolo Paolo ci dice “Adoperatevi al compimento della vostra salvezza con timore e tremore.” (Filippesi 2:12) Ma cosa produce questo lavoro? Sai quali sono davvero i fantastici risultati della santificazione?

Paolo scrive che ci sono diverse parti o fasi nella salvezza: “Se infatti, mentre eravamo nemici, siamo stati riconciliati con Dio mediante la morte del Figlio suo, tanto più ora, che siamo riconciliati, saremo salvati mediante la sua vita.” Romani 5:10. La salvezza inizia con il grande dono del perdono dei peccati attraverso il sacrificio di Gesù quando è morto per noi. Questo pagamento per i peccati che abbiamo commesso ci permette di essere riconciliati con Dio.

Dopo la riconciliazione con Dio per mezzo della morte di Gesù, arriva la salvezza per mezzo della vita di Gesù, ed è con questa salvezza che dobbiamo lavorare come discepoli di Gesù, che lo seguono nelle sue orme. Questo è un processo in cui noi, rinunciando ai piaceri peccaminosi che abitano nella nostra natura, partecipiamo invece sempre più alla vita di Gesù. Questo processo di salvezza è anche chiamato santificazione.

La gloria della natura di Dio

Per essere in grado di ricevere la sua vita e la sua natura, Dio ha bisogno di condurci su molte vie sorprendenti attraverso ogni tipo di circostanza. Egli ci piega attraverso le sofferenze e ci purifica nella fornace dell’afflizione e in questo modo impariamo a conoscere la sua buona via e la sua volontà per noi. Se, in ogni cosa che incontriamo siamo sotto la sua buona e potente guida sulla via verso la gloria, il risultato sarà come sta scritto, che le afflizioni saranno leggere e momentanee e produrranno per noi un sempre più grande, smisurato peso eterno di gloria. (2 Corinzi 4:17) Allora possiamo guardare avanti alla gioia che ci attende, come ha fatto Gesù, e lodare Dio per ogni cosa sulla via verso la gloria.

Coloro che credono e sono obbedienti al vangelo di Gesù riceveranno la sua potenza e la sua gloria nella loro vita.

Coloro che credono e sono obbedienti al vangelo di Gesù riceveranno la sua potenza e la sua gloria nella loro vita e quando Gesù ritornerà, Lui rivelerà quanto siano realmente gloriosi e ammirevoli questi santi. Noi non abbiamo più gloria nella nostra vita delle parole di Dio in cui crediamo e che obbediamo. Ma questa è vera gloria, una gloria radiosa ed eterna!

Perfezione

Il risultato della salvezza attraverso varie prove è che diventiamo anche perfetti e completi, in nulla mancanti. Questo è un enorme risultato della nostra vita sulla terra.

Possiamo dire che siamo perfetti e completi quando siamo stati provati in certe aree e abbiamo vinto nelle nostre circostanze – cioè, dove abbiamo trovato la volontà di Dio e l’abbiamo compiuta. Tuttavia, in tutte le altre aree in cui non siamo stati provati, non abbiamo ancora imparato a conoscere la volontà di Dio in verità; in quelle aree non siamo completi. Una nuova prova ci porta più avanti sulla via di una maggiore completezza. Ci manca meno dopo aver superato la prova. Pertanto dovremmo considerare una grande gioia quando veniamo a trovarci in una nuova prova!

Sta scritto che Gesù “la farà comparire davanti a sé, gloriosa, senza macchia, senza ruga o altri simili difetti, ma santa e irreprensibile.” Efesini 5:27. Che risultato glorioso! Possiamo diventare perfetti, senza macchia né ruga se, nelle numerose prove della vita, siamo completamente modellati attraverso le sofferenze allo stesso modo del nostro autore della salvezza. Che giorno sarà quando Gesù prenderà la chiesa – quelli di noi che erano anime cadute disposte ad essere salvate, a cui Gesù ha dato la vittoria e che ha santificate! La sposa di Gesù sarà un gregge che lui è stato in grado di condurre alla propria vita di gloria e perfezione in mezzo alle tenebre e alle malvagità del mondo. Essi daranno lode a grazie a Dio per tutta l’eternità, come gratitudine per questo grande e benedetto risultato.

La sposa di Gesù sarà un gregge che Lui è stato in grado di condurre alla propria vita di gloria e perfezione in mezzo alle tenebre e alle malvagità del mondo.

Un posto nei luoghi celesti

“E ci ha risuscitati con lui e con lui ci ha fatti sedere nel cielo in Cristo Gesù, per mostrare nei tempi futuri l'immensa ricchezza della sua grazia, mediante la bontà che egli ha avuta per noi in Cristo Gesù.” Efesini 2:6-7.

Riceviamo molte promesse come risultato della salvezza e dell’obbedienza alla parola di Dio. Tra le altre cose, la parola di Dio promette che siederemo insieme a Gesù sul suo trono, proprio come lui stesso è seduto con il Padre suo sul suo trono. (Apocalisse 3:21, Ebrei 2:5)

In questa esaltata posizione in Cristo non c’è motivo di essere in ansia per il futuro. È stato eternamente assicurato e circondato dalla sua grande gentilezza e dalla cura in tutte le situazioni della vita. “Certo, beni e bontà m'accompagneranno tutti i giorni della mia vita;e io abiterò nella casa del SIGNORE per lunghi giorni.” Salmi 23:6. Questo è come appare il nostro futuro se consentiamo a Dio di salvarci e santificarci mentre siamo qui su questa terra!

È una verità che Cristo un giorno verrà col fuoco fiammeggiante per vendicarsi di tutti coloro che non sono stati obbedienti al suo vangelo. Ma altrettanto certamente, coloro che sono stati obbedienti saranno glorificati e onorati per tutta l’eternità. Facciamo in modo di essere tra loro. (2 Tessalonicesi 1:6-10)

Brani tratti dal libretto “Il nuovo patto e il mistero dell’iniquità” di Sigurd Bratlie (Skjulte Skatters Forlag, giugno 1952); e dai seguenti articoli del periodico della BCC “Tesori Nascosti:” “Perfetto e completo,” di Sigurd Bratlie (febbraio 1954); “Sulla via verso la gloria,” di Aksel J. Smith (giugno 1953), “Glorioso e ammirato,” di Aksel J. Smith (maggio 1954).
© Copyright Stiftelsen Skjulte Skatters Forlag