Riposo in Dio

Riposo in Dio

Scritto da: Aksel J. Smith | Pubblicato: domenica 20 settembre 2015

«Noi che abbiam creduto, infatti, entriamo in quel riposo, come Dio ha detto.» Ebrei 4,3.

Per fede possiamo gettarci interamente e completamente, con tutte le cose, nelle braccia di Dio. Ogni paura, ogni dubbio, tutte le preoccupazioni e i dolori li gettiamo su di lui, perché lui ha cura di noi. Così otteniamo un riposo benedetto.

Entriamo in una posizione in cui possiamo dire come Davide: “Il Signore è il mio pastore, nulla mi manca.” (Salmi 23) In questa posizione ci guida attraverso pascoli verdeggianti e lungo le acque calme. Qui possiamo ricevere nutrimento, qui la nostra anima viene alleviata e rinforzata. In questo silenzio Dio potrà proseguire il suo lavoro con noi. Lui ci insegna le sue vie.

Lui ci insegna come dobbiamo comportarci in tutte le circostanze della vita. Pieni di riposo e forza spirituale lui ci guida avanti sui sentieri della giustizia. Durante questo cammino lui diventa il nostro pastore, e noi diventiamo le sue pecore. Noi diventiamo dipendenti da lui in ogni cosa. Lui ci protegge. Lui ci guida e dirige i nostri passi attraverso la vita. Man mano che impariamo a conoscerlo come qualcuno che si prende cura di noi, ci affidiamo sempre di più a lui, e possiamo riconoscere che il riposo in noi aumenta nella stessa misura.

Dopo che impariamo a conoscerlo come qualcuno che si prende cura di noi, ci affidiamo sempre di più a lui

Nelle mani di Dio

Non abbiamo bisogno di preoccuparci per il risultato di alcune nostre opere. Ci siamo affidati nelle sue mani, e sappiamo che raccoglieremo quando sarà giunto il momento.

Solo coloro che vivono una vita vittoriosa senza interruzione sono nel riposo completo. Solo quando abbiamo ottenuto vittoria, quando abbiamo messo a morte e distrutto quello a cui  prima eravamo sottomessi, possiamo entrare nel riposo da queste cose. Dopodiché possiamo gradualmente entrare nel riposo dall'ira, dalla gelosia, dall’invidia, dalla prepotenza e qualsiasi altra cosa che può interferire con la nostra connessione spirituale con Dio. Questo diventa riposo benedetto. Ma possiamo raggiungere questo soltanto attraverso una via. Questa è la via che ha percorso Cristo, e che hanno percorso Paolo e tutti gli altri santi attraverso i tempi, ed è la via della rinuncia a se stessi e della croce.

Estratto da un articolo pubblicato nella rivista della BCC “Skjulte Skatter” (Tesori Nascosti), febbraio 1931

© Copyright Stiftelsen Skjulte Skatters Forlag, Norvegia | brunstad.org