Qualcosa di così semplice può fare la differenza per la vita

Qualcosa di così semplice può fare la differenza per la vita

Scritto da: Megan Henry | Luogo: Winnipeg, MB | Pubblicato: venerdì 18 luglio 2014

L’anno è volato e un’altra stagione del Club delle Attività si è appena concluso prima dell’estate. Megan, una delle guide del club delle attività della BCC Winnipeg condivide un resoconto toccante.

Mentre sono in una palestra vuota guardandomi intorno a ciò che, solo pochi istanti fa, era un via vai di risate e divertimento mi ricordo della mia infanzia. È il 2001 e ho 13 anni. Ricordo chiaramente quel giorno; quello che indossavo e quello che abbiamo fatto. Non c’era nulla di stravagante o costoso, semplicemente una giornata in un parco locale facendo passeggiate e scattando foto. Il tempo era freddo per una giornata di giugno, ma questo non avrebbe cambiato il nostro umore o il piacere. Era l'ultima volta del club delle attività dell’anno, e quell’anno sarebbe stato l’ultimo per me. Ero rattristata dal fatto che non potevo più aspettare con ansia l’attività bi-settimanale con le ragazze, che chiamavo le mie migliori amiche, eppure ero eccitata per le cose che sarebbero venute in futuro.

Creare ricordi che durano una vita

Oggi nel 2014, celebriamo la fine di un altro anno del club. Questa volta, ho avuto il privilegio di lavorare insieme ad un grande gruppo di giovani adulti come guide. Ogni volta che mi trovo ad aspettare i bambini che vengono divento un po’ nostalgica. L’emozione dei bambini quando arrivano è incomparabile, e non importa quale sia l’attività o che tipo di giornata hanno avuto a scuola i bambini, niente può attenuarla. Quando oggi chiedo ai bambini quale sia stata la cosa migliore del club delle attività, la risposta è invariata rispetto a quella di 14 anni fa; la parte migliore del club è di stare insieme ai tuoi migliori amici e creare ricordi che dureranno per tutta la vita.

Allo stesso modo in cui io ho sperimentato solo bontà e amore… Io ho una responsabilità

Fare parte del team delle guide è qualcosa che non prendo alla leggera. È un’enorme responsabilità lasciare i bambini di oggi con la stessa impressione che era rimasta a me 14 anni fa. A quei tempi sapevo che le guide erano persone salde e che "combattevano" per me nelle loro preghiere, persone che lavoravano per arricchire la mia vita e per rendere più viva la mia fede, e persone che mi amavano ogni giorno, sia buono sia cattivo. Allo stesso modo in cui io ho sperimentato solo bontà e amore da coloro che guidavano il Club Attività tanti anni fa, ho la responsabilità di lavorare per diventare qualcuno da cui scorra solo bontà.