Scegli il bene

Scegli il bene

Scritto da: Anna Risa | Luogo: Australia | Pubblicato: lunedì 6 febbraio 2012

Entrando nella sala principale vedo una marea arancione: più di 60 bambini con la maglietta arancione con il tema di oggi, "SCEGLI IL BENE" stampato sulla parte davanti.

È il giorno dei bambini alla conferenza estiva 2012 al centro conferenze a sud di Sydney in Australia.

Mi siedo circa al centro della sala. Non prendo parte attiva nella tradizionale riunione del mattino, ma confesso di essere leggermente curiosa su come i responsabili presenteranno questo tema ai bambini (di età tra i 2 e i 12 anni) in modo che sia interessante per i più grandi e facile da capire per i più piccoli.

Solomon David, una guida della scuola domenicale di Sydney, spiega che scegliere il bene non è sempre facile. Ci racconta che diversi secoli prima che fosse nato Gesù, un uomo di nome Isaia profetizzò di Lui, dicendo, "Egli mangerà panna e miele finché sappia rigettare il male e scegliere il bene." Isaia 7:15. Anche Gesù una volta è stato bambino e ha dovuto fare delle scelte tra cosa era giusto e sbagliato, bene e male.

"A volte puoi pensare "Io non devo condividere con quelle persone lì, perché loro non sono state carine con me, quindi non devo scegliere il bene nei loro confronti," dice Solomon. "Ma Gesù, disse cose brutte di altre persone che avevano fatto cose cattive contro di lui? Ovviamente no!" Solomon ci racconta che Gesù era sempre buono con gli altri, indipendentemente da come loro si comportavano con lui e questa è anche la nostra vocazione.

Durante la riunione i bambini erano desiderosi di esprimere le loro idee e i loro pensieri sui modi in cui poter scegliere il bene.

"Essere volenteroso," suggerisce una bambina.

"Condividendo", dice un'altra.

"Quando Giacobbe ha un giocattolo con cui io voglio giocare, allora invece di prenderglielo posso chiedergli in modo gentile se me lo presta appena lui ha finito di giocarci." Tossisco un po' per nascondere una risatina. Questo commento viene da mio nipote di 4 anni, e da come l'ha raccontata sono certa che non è una situazione ipotetica.

Dopo la riunione i bambini hanno la possibilità di fare varie attività, le quali riflettono tutte il tempo caldo e umido.

Perché dobbiamo scegliere il bene?

Kirsty-Ann è una delle poche fortunate che inizierà la scuola superiore quest'anno, e per questo le è stato permesso di partecipare sia alle attività dei bambini sia a quelle dei giovani. Ce la mette tutta nelle varie gare ad ostacoli, battaglie d'acqua e cacce al tesoro che sono state organizzate.

Sono curiosa di sapere quello che pensa lei della riunione di questa mattina, quindi la fermo in un momento tranquillo e le chiedo perché dovremmo scegliere il bene.

"Se siamo cattivi non saremo felici"

Risponde "Se siamo cattivi non saremo felici"

Sono colpita. Non è una risposta profonda, intensa, ma contiene in ogni caso la cosa più importante. Che "essere cattivi" ci rende infelici ed "essere buoni" porta a felicità è una verità che io ho scoperto nei miei 25 anni di vita, ma il sentirlo uscire dalla bocca di una dodicenne, detto con una tale semplice sicurezza, è qualcosa di completamente diverso.

Se tutti i bambini hanno ricevuto così tanto dalla riunione, credo che sia stato un successo clamoroso.

Galleria fotografica