Conferenza dei fratelli 2013

Conferenza dei fratelli 2013

Scritto da: Brian Janz e Milenko van der Staal | Luogo: Centro Conferenze Brunstad, Norvegia | Pubblicato: venerdì 8 novembre 2013

“Gli apostoli non predicavano la conoscenza, predicavano la vita.” Kåre Smith inizia la Conferenza dei Fratelli 2013 con un potente messaggio.

BRUNSTAD CONFERENCE CENTER, MELSOMVIK NORVEGIA:Una chiave di basso, un ronzio continuo di voci riempie la grande sala delle riunioni della Brunstad Conference Center. Le persone si sono riunite da tutto il mondo per l’annuale “Conferenza dei Fratelli”.

Non appena inizia la prima riunione della conferenza, un silenzio d’attesa cade sull'assemblea. Kåre J. Smith, la guida mondiale della Brunstad Christian Church, inizia con un’esortazione a trasformare la conoscenza che riceviamo a queste conferenze e incontri in una vita personale, piuttosto che in qualcosa da utilizzare per correggere gli altri.

Gli apostoli non predicavano la conoscenza, predicavano la vita

“Molte persone vogliono andare a ‘sistemare le cose’ in base alla conoscenza che hanno,” dice Smith. “Ma gli apostoli non predicavano nuova conoscenza, essi predicavano la vita - la vita eterna. La vita di Gesù si manifestava attraverso loro, e come risultato, ne è pure venuta fuori anche una grande benedizione per il genere umano. Dobbiamo eliminare dal nostro modo di pensare che non appena sappiamo qualcosa, dobbiamo andare a risolvere i problemi. Dobbiamo farlo entrare nella nostra vita, nel nostro cuore.”

Smith continua parlando dell’importanza di riunirsi, e di come la chiesa funziona come un corpo in cui ogni membro gioca la sua parte. “Abbiamo bisogno di questo posto per riunirci, un posto dove Dio ha un podio, dove Lui può dire esattamente quello che gli sta a cuore. ... Dall’inizio dei tempi, Dio ha visto i doni e le possibilità che gli altri hanno, e li ha posti nella chiesa come Lui voleva... Lo dobbiamo vedere come la cosa più grande sulla terra che possiamo essere un lavoratore per Cristo, e crescere fino a Cristo, il nostro capo. Nessuno può avere un lavoro più grande qui sulla terra che essere un membro del corpo di Cristo. ... ‘Vi è un corpo solo e un solo Spirito, come pure siete stati chiamati ad una sola speranza, quella della vostra vocazione. V’è un solo Signore, una sola fede, un solo battesimo, un solo Dio e Padre di tutti...’ (Efesini 4:4-6)”

Nessuno può avere un lavoro più grande che essere un membro – un fratello - nel corpo di Cristo.

Una piccola delegazione è venuta da Winnipeg in Canada per partecipare ai due giorni di conferenza. Di solito vedono le conferenze da Brunstad grazie alla trasmissione in diretta, ma essere qui di persona è un’altra cosa.

Steve (44) spiega: “Kåre Smith ha citato un paio di volte che Dio ha una piattaforma qui da dove Lui può dare il suo messaggio in modo chiaro e indisturbato. È chiaro che quando Dio raduna i fratelli in questo modo, Lui ha da dire qualcosa alla chiesa. Essere in grado di bere da quello Spirito è incredibile.”

“Questo è il motivo per cui ho bisogno di venire alla conferenza. Perché lo Spirito è così forte, qui. Mi sento come se avessi bisogno di essere qui per poter ricevere la forza di vincere la mia carne,” concorda Marc (38)

Tutti i fratelli sono diversi ma tutti andiamo nella stessa direzione.

Ci sono più assemblee e incontri questo fine settimana, ma un altro aspetto importante delle conferenza è la comunione tra gli incontri. È una grande opportunità per ritrovare vecchi amici o farne nuovi. Michael (39) dice, “Sono tutti fratelli, questi sono coloro che costruiscono la chiesa. C’è qualcosa di veramente speciale in questo. Tutti i fratelli sono diversi ma tutti andiamo nella stessa direzione.” È questo vangelo, questa comunione e questa vita che loro condividono e che li lega insieme, attraverso i continenti e le culture, e che li fa tornare ogni anno, anche se è solo per un fine settimana.

Galleria fotografica