Conferenza dei fratelli nell’Europa orientale 2013

Conferenza dei fratelli nell’Europa orientale 2013

Scritto da: Piotr Czyz | Luogo: Ternopil, Ukraine | Pubblicato: mercoledì 27 novembre 2013

Cinque testimonianze che colgono nel segno dalla recente conferenza in Ternopoli, Ucraina

Il motore è stato controllato, i serbatoi sono pieni, i bagagli sono caricati, i passeggeri sono seduti comodamente ai loro posti pronti per un lungo viaggio. Ecco come è iniziato il primo fine settimana di novembre per circa duecento signori provenienti da dodici diversi paesi dell’Europa orientale.

Ogni anno, la Brunstad Christian Church organizza una “conferenza dei fratelli” nell’Europa orientale, e il posto per quest’anno è il centro conferenze di Ternopil, Ucraina.

Giovani e anziani fanno un lungo viaggio per ottenere una "spinta spirituale.” C’è qualcosa per i più anziani che hanno vissuto una lunga vita con Cristo, e c’è qualcosa per gli adolescenti che stanno appena iniziando su questa via. Questo è quello che rende questo fine settimana così speciale. La parola di Dio li unisce, e l'obbiettivo comune di vivere secondo essa e a diventare simili a Cristo crea comunione tra le generazioni.

Cosmin Celea, 19, Romania:

“É estremamente edificante vedere che nonostante il fatto che veniamo da così tanti posti, abbiamo un obiettivo – di costruire il corpo di Cristo!"

“Quello che mi ha parlato alla conferenza è di essere nel primo amore per Cristo e obbedire ai Suoi comandamenti. La fede senza le opere è morta ed è inutile, ma se metto in pratica tutto quello che ho sentito alla conferenza, mi esercito a discernere il bene dal male.”

Salem Lauchenauer, 23, Austria:

“Ho vissuto in Ucraina per tre anni, e ho sperimentato una grande comunione con gli amici che vivono qui. Le visite dalla Norvegia e dalla Germania, ecc. sono d’importanza fondamentale per la chiesa in Ucraina e il suo futuro. La maggior parte delle persone che vivono qui non può permettersi di andare alle conferenze a Brunstad.”

Gli ospiti a cui si riferisce Lauchenauer sono spesso guide provenienti da chiese locali più solide, che hanno vissuto e testato le parole che predicano, e per questo hanno qualcosa da dare a queste chiese “più giovani”.

Dima Zhuravel, 15, Ucraina:

“Sono molto grato per gli ospiti che vengono e professano direttamente dalla Bibbia. È sempre interessante conoscerli e vedere le loro vite. Ogni volta ricevo qualcosa di nuovo per la mia vita – qualcosa che posso mettere in pratica nelle mie situazioni quotidiane. Il mio obbiettivo è fare la volontà di Dio nella mia vita e di obbedire a Lui.”

 

 

Marius Balika, 23, Ucraina:

“Personalmente voglio obbedire ad ogni cosa che Dio mi dice attraverso lo Spirito e umiliarmi, considerando gli altri meglio di me stesso. Può succedere che non riuscirò sempre a capire alcune scelte che devo fare e alcune volte possono sembrare inconcepibili per gli altri; tuttavia, voglio essere obbediente allo Spirito e vivere davanti a Dio e non alla gente.

 

Benjamin Kubica, 16, Polonia

“Dopo quello che abbiamo sentito questo fine settimana, è estremamente importante per me essere paziente nelle tribolazioni e gioire nella speranza che Dio completerà la Sua opera in me. E pregare a Dio per ogni cosa, persino per le piccole cose! Adesso ho una straordinaria opportunità, sia a scuola che a casa di obbedire alle parole che ho sentito.

“Questa è la mia prima volta in Ucraina e devo dire che non vedo l’ora della prossima conferenza qui!”

Clicca sulla galleria fotografica qui sotto per uno sguardo alle attività del fine settimana:

Galleria fotografica