Ricevere qualcosa da Dio «nelle parti più basse della terra»

Ricevere qualcosa da Dio «nelle parti più basse della terra»

Pubblicato: sabato 20 agosto 2011

BRUNSTAD: Nella grande sala del centro conferenze di Brunstad è in corso il culto religioso. Durante il canto comune sembra come se il tetto si sollevasse quando 5000 voci cantano all’unisono. È tempo per la conferenza per la Brunstad Christian Church, e questa in particolare è la seconda conferenza estiva a Brunstad.

Il messaggio professato dal pulpito è tradotto in simultanea in 15 lingue, perché qui sono riuniti partecipanti provenienti non solo dalla Norvegia, ma anche dal resto d'Europa, dal Nord e Sud America, Africa, Australia e dall’oriente, in totale oltre 5600 persone da 38 paesi.

Il messaggio del seguire Gesù

– Col tempo siamo diventati tanti e dobbiamo costruire tanto e in grande per avere spazio per tutti i nostri amici, ma ciononostante dobbiamo essere conservati nell’umiltà in spirito e verità. Allora la benedizione di Dio viene su di noi. Lì sentiamo che il Maestro ci è molto vicino e può parlare nei nostri cuori.

Kåre J. Smith parla e le sue parole non sono dirette solo ai presenti in sala, ma vengono anche trasmesse via satellite sul canale TV di Brunstad agli amici che seguono in tutto il mondo.

Uno dei messaggi principali della conferenza è proprio questo, che dobbiamo seguire Gesù nella sua umiliazione. Questo vuol dire seguire il modo in cui viveva quando era in terra come una persona comune e fu tentato esattamente come noi. Lì lui umiliò se stesso, non fece la sua propria volontà, ma fece sempre la volontà di Dio e così non commise mai peccato.

– Dio ci preservi dal potere di Satana che si trova nel volere essere qualcosa. Ma seguiamo il Maestro, fedeli sulla nuova e vivente via, allora ha luogo una morte sulla nostra carne e siamo vivificati. Allora nasce una vita nuova con la sapienza di Dio nei nostri cuori, conclude Smith.

Il messaggio riunisce tanti

È proprio questo messaggio di una vita nella crescita e nello sviluppo che riunisce così tante persone da diversi paesi e diverse culture, ispirando molti.

– Fa impressione vedere così tante persone da diverse nazioni, che sono tutte afferrate dalla stessa chiamata. Tutta la conferenza è stata in uno spirito di risveglio, che mi ha veramente dato fede nella completa vittoria sul peccato, dice Benjamin Tima (21) da Vienna, Austria.

Doreen Goh (47) da Singapore è d’accordo:
– Qui possiamo bere dello Spirito e incontrare amici da tutto il mondo. Per me è un’esperienza molto forte e d’ispirazione, e posso ascoltare il messaggio dell’umiliare me stessa e ottenere la vittoria sul peccato.

Comunione e buona compagnia

Tra un culto e un altro ci sono anche tante attività. Si organizza un torneo di calcio internazionale, attività per bambini, un musical e molto altro ancora. Per molti dei partecipanti, una delle cose più belle è poter incontrare amici da lontano e da vicino, per esempio a casa degli amici, nelle roulotte, nella zona della spiaggia o a pranzo insieme in uno dei punti ristoro di Brunstad.

– La cosa più bella è stata potere incontrare i miei amici, con i quali ho lavorato durante il programma YEP [il programma internazionale per i giovani della Brunstad Christian Church] un anno fa, racconta entusiasta Cristina Tànàsescu (24) da Caragiale in Romania. Lei è anche felice per le riunioni rivolte in particolare ai giovani:
– Venire alle riunioni dei giovani e pregare assieme, ricevere aiuto e forza, significa tantissimo. Anche quando torno a casa, so che ho sempre accesso ad una forza sicura, che ricevo pregando.

“Io ritornerò!”

Brunstad è caratterizzata da un’atmosfera calorosa e armonica. Agli amici piace stare in questo posto, tanto che spesso denominato come "Il miglior posto al mondo"!
Se ritorneremo? Doreen parla a nome della maggior parte di noi:
– Io ritorno di sicuro, il più spesso possibile!

Guarda e ascolta qui un estratto del discorso di Kåre J. Smith durante la conferenza di agosto 2011 a Brunstad: