Oggi circa 30 paesi e 60 chiese locali seguono le conferenza con la TV via satellite. Qui la chiesa a Para, nell’Amazzonia brasiliana, segue  una trasmissione da Brunstad.
Oggi circa 30 paesi e 60 chiese locali seguono le conferenza con la TV via satellite. Qui la chiesa a Para, nell’Amazzonia brasiliana, segue una trasmissione da Brunstad.

Investimento profetico sulla TV via satellite

Scritto da: Karen-Birgitte Larsen | Luogo: Oslo, Norvegia | Pubblicato: martedì 17 agosto 2010

Era alla conferenza di Pasqua nel 1997 che la guida della chiesa Kåre J. Smith disse che avrebbe portato la Brunstad Christian Church in un’epoca nuova e significativa. Finalmente il vangelo poteva essere diffuso in tutto il mondo in un’unica volta. 

“L’anno prossimo investiamo nel satellite. Così gli amici di tutto il mondo possono seguire le riunioni da Brunstad”, fu la spontanea affermazione di Smith ad una riunione.

Al piano superiore della sala, nel cosiddetto ponte tecnico, stava Sigurd B. Olsen che seguiva il discorso di Smith. Lui faceva allora parte della squadra di tecnici al centro conferenze di Brunstad. Il posto, che si trova a Melsomvik in Norvegia, negli ultimi 50 anni è stato il punto di raccolta di tante attività che avvengono nella Brunstad Christian Church.

La visione profetica della TV via satellite fu come uno shock per Sigurd B. Olsen, in qualità di dirigente ed esperto tecnico.

“Mi ricordo che pensai; che cosa sta dicendo adesso? Ci venne un colpo. Si parlava di una rivoluzione enorme", racconta Olsen, che ancora ora sente cosa provava 13 anni fa.

- Un mattone nell’ordine di missione

I tecnici al centro conferenze di Brunstad sapevano che il lavoro con la TV via satellite sarebbe diventato una sfida tecnica enorme che esigeva grande impegno da parte di molti. L’entusiasmo per poter diffondere il vangelo di Dio in tutto il mondo, mise comunque all’opera gli esperti tecnici non appena ricevettero la comunicazione.

Già il 29 marzo dell’anno dopo, la Brunstad Christian Church inviava la sua prima trasmissione via satellite, direttamente da Oslo verso tutte le chiese locali nel mondo. Per Sigurd, partecipare al lavoro per lo sviluppo della TV via satellite, è stato molto speciale.

“Ho pensato spesso a quanto sono fortunato di poter essere un mattone nell’ordine di missione di Gesù: “Andate dunque e fate miei discepoli tutti i popoli”, spiega entusiasta. 

Oggi circa 30 paesi e 60 chiese locali seguono le conferenze con la TV via satellite e circa 15 paesi e 50 chiese locali seguono via streaming su internet. 

- Trasmettere il miglior messaggio al mondo 

Anche se le chiese locali della Brunstad Christian Church hanno ovviamente le loro riunioni locali, le conferenze a Brunstad sono dei momenti speciali.

Harald Ditlefsen ha partecipato allo sviluppo, per migliorare continuamente la qualità delle trasmissioni ed è molto entusiasta di poter diffondere la parola di Dio in questo modo.

“È ovviamente molto interessante e bello poter partecipare a trasmettere il miglior messaggio al mondo a tutto il mondo”, racconta Harald Ditlefsen che ritiene che la TV via satellite abbia fatto in modo che ciò che sta scritto in Ef. 4,4-6 si compisse in un grado maggiore.

“Vi è un corpo solo e un solo Spirito, come pure siete stati chiamati a una sola speranza, quella della vostra vocazione. V'è un solo Signore, una sola fede, un solo battesimo, un solo Dio e Padre di tutti, che è al di sopra di tutti, fra tutti e in tutti.” 

"Questo significa che anche la cura per il singolo e per l’unità nella chiesa è molto più forte nella consapevolezza di ognuno”, spiega Ditlefsen.

“Le parabole di Brunstad” vengono continuamente installate in un maggior numero di paesi e la predicazione viene tradotta verso nuove lingue, con grande entusiasmo e significato per le chiese locali distribuite nel mondo. 

Che significato hanno per te le trasmissioni via satellite da Brunstad?


Cheryl Campher, Australia

 

Le trasmissioni via satellite sono come un'iniezione di vitamine dal cielo, un toccasana fresco e istantaneo da Brunstad. È come se ottengo l’accesso diretto a ciò che sta a cuore a Dio. Le trasmissioni via satellite sono in un certo senso anche molto unificanti, perché so che tutti nel mondo ascoltano lo stesso messaggio. Da queste trasmissioni ricevo aiuto diretto per tutte le mie circostanze quotidiane. È pure come se ho contatto con gli amici quando li vedo sullo schermo, ed è fantastico vedere qualche sprazzo dei miei figli [più grandi] che sono a Brunstad.

Erich Guerrero, Cile

Per me personalmente, le trasmissioni sono prima di tutto una grande fonte della parola di Dio. È difficile spiegare con parole quanto questo sia importante per la vita. La parola di Dio viene portata in modo così chiaro e potente, e seguire la trasmissione è quasi come essere lì a Brunstad. Ogni tanto non posso seguire in diretta per il fuso orario, ma è comunque ugualmente vivente.

Eunice Ng, Singapore
 

Come giovane che abita in Asia, le trasmissioni da Brunstad significano tantissimo per me. Non posso venire così spesso a Brunstad, ma posso bere dello spirito che sento provenire da lì, e posso vedere, ascoltare e provare il lavoro che Dio fa nella chiesa. Il messaggio che ascolto è un grande aiuto per la mia vita e spesso è esattamente quello di cui avevo bisogno.

James Allen, Australia
 

Vedere le trasmissioni via satellite da Brunstad è bellissimo quando non ho la possibilità di essere presente personalmente, anche se cerco di andare di nuovo a distanza di qualche anno. Dopo essere stato a Brunstad ho scoperto che le trasmissioni via satellite significano di più per me. Ho fatto tanti amici quando per un periodo ho lavorato in Norvegia ed è bellissimo vederli seduti nella sala a Brunstad alle riunioni.