Nuovo centro conferenze nell'Ucraina meridionale

Nuovo centro conferenze nell'Ucraina meridionale

Scritto da: Peter Nilsen | Luogo: Ozerne, Ucraina | Pubblicato: martedì 13 marzo 2012

La costruzione del nuovo centro conferenze della Brunstad Christian Church nel sud dell'Ucraina è ora nella fase finale e l'inaugurazione avrà luogo l'ultimo fine settimana di aprile.

Il centro è situato nella parte più a sud della provincia di Odessa nell'Ucraina del sud, a pochi chilometri dal confine con la Moldavia e la Romania. La città di Ozerne gode di un'ottima posizione vicino ad uno dei più grandi laghi dell'Ucraina, proprio dove il più grande fiume d'Europa, il Danubio, sfocia nel Mar Nero. Il centro è costruito su una piccola collina, e dalle grandi finestre panoramiche nella sala, si può guardare sul lago, che è specialmente bello al tramonto.

Tutto ciò di cui hanno bisogno

Il progetto di costruzione sta andando avanti da un anno e mezzo, e l'inaugurazione avrà luogo l'ultimo fine settimana di Aprile. Il centro riunioni può contenere fino a 400 persone ed è completamente fornito tra l‘altro di sistema audio, cucina e bagni.

Sulla proprietà, ci sono anche 26 appartamenti, ognuno con cucina propria e bagno. I bambini e i giovani hanno spazio a sufficienza per impiegare un po’ delle loro energie. Un parco giochi è già stato costruito e c'è anche un'ampia area per giocare a calcio e per nuotare.

Collaborazione tra YEP e forze locali

In questi giorni, quando mancano poco meno di due mesi alla cerimonia di apertura, la pressione si fa sentire a Ozerne. I giovani del programma YEP (Youth Exchange Program) hanno la responsabilità per il lavoro di falegnameria, la posa delle mattonelle, il lavoro elettrico e la costruzione degli impianti igienico-sanitari. Per il resto dei lavori è di fondamentale importanza l'aiuto dei circa 100 giovani di Ozerne.

Il programma YEP è stato rappresentato da otto giovani della Norvegia e da uno dell'Ucraina. "Noi del programma YEP abbiamo passato un periodo incredibilmente edificante, ed è stato specialmente bello poter lavorare con persone della mia età che vengono da chiese diverse," dice uno dei partecipanti al programma YEP.

Grati per aver potuto partecipare

I giovani raccontano che conoscere gli amici a Ozerne, i quali sono stati particolarmente ospitali, è stata un'esperienza bellissima. "Abbiamo trascorso un tempo bellissimo assieme, nonostante le difficoltà linguistiche; siamo stati in sintonia e abbiamo costruito dei legami che dureranno per tutta la vita. Noi che siamo giovani oggi siamo fortunati; abbiamo una straordinaria opportunità di ripagare un poco di quello che abbiamo ricevuto dalla chiesa. Sperimentiamo però che riceviamo molto di più di quanto siamo capaci di dare durante il nostro tempo nel programma di scambio giovani (Youth Echange Program). Torniamo nelle nostre chiese locali con una prospettiva allargata e capiamo meglio il lavoro che viene fatto per portare la buona novella, il vangelo, a molte persone.

Galleria fotografica