Può un cristiano perdere la salvezza?

Può un cristiano perdere la salvezza?

Scritto da: Tom Harris | Pubblicato: lunedì 4 gennaio 2016

Quando una persona si converte e diventa un cristiano ottiene una nuova mente. La vecchia mente era di servire se stessi e i propri desideri – la nuova mente è di servire Dio e di fare quello che è piacevole a Lui. Questo è dove inizia la loro salvezza.

Questo è quello di cui parla Paolo in Efesini 4:22-24: “avete imparato per quanto concerne la vostra condotta di prima a spogliarvi del vecchio uomo che si corrompe seguendo le passioni ingannatrici; a essere invece rinnovati nello spirito della vostra mente e a rivestire l'uomo nuovo che è creato a immagine di Dio nella giustizia e nella santità che procedono dalla verità.” Il vecchio uomo è la vecchia mente e il nuovo uomo è la nuova mente.

Salvezza vuol dire che non riceviamo soltanto perdono dei nostri peccati mediante la morte di Gesù sulla croce, ma il nostro vecchio uomo è stato anche crocifisso con Lui.

In modo simile, Paolo scrive in Romani 6:6 “Sappiamo infatti che il nostro vecchio uomo è stato crocifisso con Lui”. È molto importante sapere questo. Salvezza vuol dire che non riceviamo soltanto perdono dei nostri peccati mediante la morte di Gesù sulla croce, ma il nostro vecchio uomo è stato anche crocifisso con Lui. Questo è quello che rende possibile per noi vivere una nuova vita (versetto 4).

La croce – la forza verso la salvezza

Paolo scrive in Filippesi 3:17-19 “Siate miei imitatori, fratelli, e guardate quelli che camminano secondo l'esempio che avete in noi. Perché molti camminano da nemici della croce di Cristo (ve l'ho detto spesso e ve lo dico anche ora piangendo), la fine dei quali è la perdizione; il loro dio è il ventre e la loro gloria è in ciò che torna a loro vergogna; gente che ha l'animo alle cose della terra.” Non erano nemici della croce fino a quando si trattava di ricevere il perdono dei peccati per mezzo del sacrificio di Gesù, ma erano nemici della croce per quanto riguardava che il vecchio uomo era crocifisso con Cristo. Si possono essere convertiti una volta e aver ricevuto una nuova mente ma, purtroppo, sono tornati al vecchio uomo e hanno iniziato ad amare nuovamente questo mondo.

La potenza sta nella croce, perchè è la croce che è la potenza di Dio verso la salvezza (Romani 1:16)

Leggiamo anche in 2 Timoteo 3:5 riguardo a coloro che avevano l’apparenza della pietà, mentre ne avevano rinnegato la potenza. La potenza sta nella croce, perchè è la croce che è la potenza di Dio verso la salvezza (Romani 1:16). È la croce che mantiene il nostro vecchio uomo crocifisso così che possiamo crescere e progredire nella nuova vita – le virtù di Cristo. Ma una forma religiosa che copre la mente vecchia che ama il mondo e i suoi desideri, è un abominio agli occhi di Dio. È all’ipocrisia che Gesù si oppose così fortemente.

Perdere la salvezza – stabile nella salvezza

È chiaro che se una persona ritorna alla vecchia mente, amando questo mondo e godendo dei suoi desideri, allora perde la sua salvezza. Una tale mente non è ammissibile nel regno dei cieli. Ma, se ci si pente veramente e si ritorna verso Dio, allora si può riottenere la propria salvezza, ma si ha anche perso tempo prezioso nel quale si sarebbe potuto crescere nelle virtù. Continuiamo dunque in questa nuova mente stando fermamente saldi in essa.

Come dunque avete ricevuto Cristo Gesù, il Signore, così camminate in lui; radicati, edificati in lui e rafforzati dalla fede, come vi è stata insegnata, abbondate nel ringraziamento.” Col 2:6-7.