Come la depressione post-partum mi ha avvicinato a Dio

Come la depressione post-partum mi ha avvicinato a Dio

Scritto da: Kate Kohl con “Jennifer” | Pubblicato: sabato 13 febbraio 2016

Jennifer condivide la sua storia di come abbia affrontato il “baby blues” senza perdere la sua fede.

Durante la gravidanza, i livelli di ormone nel corpo di una donna sono i più alti che mai, e dopo il parto, crollano di nuovo. Il risultato è che in un momento in cui le donne si aspettano di sentirsi entusiaste e gioiose per il loro dono di Dio, si possono invece sentire piagnucolose, tristi, poco brillanti e prive di energia.

Alcuni mesi dopo Jennifer non era ancora venuta fuori da questa depressione. Sebbene non si rendesse conto in quel momento che stava lottando contro più di un semplice "baby blues.” Era in preda ad una piena depressione post-partum, una condizione completamente curabile. Il problema era che lei non se ne era resa conto fino a dopo la nascita del suo secondo figlio. Lei attribuiva i suoi sentimenti e le sue emozioni alla mancanza di sonno, che ogni neo-mamma conosce.

Lei attribuiva i suoi sentimenti e le sue emozioni alla mancanza di sonno, che ogni neo-mamma conosce.

Come ci si sente con la depressione post-partum

Sapendo che secondo le statistiche il 10-20 percento delle nuove mamme soffre di depressione post-partum, ho chiesto a Jennifer se le dispiacesse condividere la sua storia, per vedere se potesse essere di aiuto e dare speranza ad altre nuove mamme che sono alle prese con lo stesso problema.

“Tanto per cominciare, non ho affrontato la cosa per come avrei dovuto,” dice Jennifer. “Non sono andata dal medico. È sicuramente qualcosa di cui si dovrebbe parlare con un medico; qualcosa per cui si può ottenere assistenza medica. Tuttavia, in quel momento, non sapevo con cosa avessi a che fare.

“Influenza tutto; cambia la tua personalità. Non avevo assolutamente alcuna energia per nulla. Stavo semplicemente seduta sul divano, piegare i panni, il che sembra essere la cosa più semplice da fare, era troppo per me. Mi sentivo sola, mi sentivo disperata, mi sentivo stanca fisicamente, mi sentivo come una persona diversa dal solito. Normalmente amo essere con le persone, ma non mi piaceva più affatto.

Mi sentivo come una persona diversa da quella che ero solita essere.

“E la cosa più difficile era che non sentivo alcuna connessione col mio bambino. La gente parla sempre dell'amore che hai per il tuo primo bambino, ma non sentivo alcun tipo di legame travolgente madre-figlio. Ho solo fatto il mio lavoro come una madre, perché dovevo.

“In realtà ero circondata da persone che si prendevano cura di me e che facevano tanto per me. Mio marito in particolare era un sostegno incredibile. Ma lui si sentiva spesso inutile, e non sapeva come aiutare, e io mi sentivo ancora sola.                

Come superarla

“Quello che mi ha aiutato a superare quel periodo è stata la fiducia in Dio. Affrontare la depressione post-partum può influenzarti spiritualmente. Ti senti giù, e Satana può venire facilmente con tanti pensieri per farti sentire peggio.

“‘Sei inutile, non vali, non sei buona a nulla,’ cercava di dirmi, mentre mi trovavo seduta sul divano ancora un altro giorno, incapace di svolgere anche il compito più piccolo oltre al prendermi cura del mio bambino.

Quando ho scelto di aggrapparmi a Dio in questo che era il periodo più difficile che abbia mai affrontato, mi sono sentita più vicina a lui, come mai prima nella mia vita.

“Ma Satana è anche conosciuto come ‘l’accusatore’ (Apocalisse 12:10), e ‘il padre della menzogna’ (Giovanni 8:44). Ho rigettato questi pensieri, sapendo che la sua unica intenzione era di allontanarmi da Dio. Quando ho scelto di aggrapparmi a Dio in questo che era il periodo più difficile che abbia mai affrontato, mi sono sentita più vicina a lui, come mai prima nella mia vita. Quando ero davvero gravemente depressa, potevo contare sempre su Dio. Non ho mai sentito che lui mi stesse abbandonando. Sì, mi sentivo giù, mi sentivo piccola, mi veniva da piangere, mi sentivo inutile. Ma quando pregavo mi sentivo letteralmente portata da Dio che mi aiutava a superare le situazioni, o i giorni o i pensieri che erano una lotta per me.  Sentivo Dio vicino a me, che aveva cura per me, che mi sollevava.

“Vennero le tentazioni di lamentarmi. È facile avere pensieri come, ‘Vorrei che questa non fosse la mia vita.’ Oppure, ‘Perché deve essere così?’ Guardavo ad altre madri e pensavo che per loro fosse così facile. Ero tentata a confrontarmi con loro, ma quel tipo di pensieri porta solo inquietudine. Scelsi di non cedere a questi pensieri. Sapevo che dovevo combattere persino contro il più piccolo pensiero di lamentela o sentimenti di autocommiserazione.  Questi non sono pensieri da Dio. Non significava che dovevo sorridere e ridere fisicamente e fingere dei sentimenti diversi da quelli che provavo, ma che non dovevo mai lasciare entrare lo spirito dell’accusatore.

“La depressione può portare facilmente con sé amarezza, lamentele, paura e molte altre cose. Ma la parola di Dio dice, ‘Infatti io so i pensieri che medito per voi", dice il SIGNORE: "pensieri di pace e non di male, per darvi un avvenire e una speranza.’ Geremia 29:11.

“Aggrapparsi a questa fede, e resistere l’accusatore nei momenti in cui tutto sembra essere troppo, non è facile. Ma l’alternativa, lasciare che Satana guidasse la mia vita con le sue accuse e la disperazione, l’incredulità e l’impotenza, non era un’opzione da scegliere. Questo non cambiò il modo in cui mi sentivo, ma mi aiutò a superarlo.

Gestire i pensieri di colpa

“La più grande tentazione può essere facilmente di sentirsi in colpa perché non hai quei travolgenti sentimenti d’amore per il tuo bambino che tu pensavi avresti avuto. Invece hai pensieri come, ‘Non voglio farlo, non è come immaginavo e non mi piace essere mamma.’ Ti siedi e aspetti che vengano questi buoni sentimenti, e non vengono. Ma il modo migliore per amare il tuo bambino in questi momenti è di prenderti cura di lui nel miglior modo possibile, indipendentemente da quello che provi. E Dio mi ha aiutato a fare anche questo. E naturalmente ho amato il mio bambino, ma erano i sentimenti a mancare.

“Salmi 23 è stato un enorme conforto per me in quel periodo.

“‘Il SIGNORE è il mio pastore: nulla mi manca… Egli mi ristora l'anima… Quand'anche camminassi nella valle dell'ombra della morte, io non temerei alcun male, perché tu sei con me.’

Il modo migliore per amare il tuo bambino in questi momenti è di prenderti cura di lui nel miglior modo possibile, indipendentemente da quello che provi.

“A volte sembrava che vivessi nella valle dell’ombra della morte, ma anche già solo leggere quei versetti mi dava sollievo. Mi faceva sapere che Dio era lì, e che si prendeva cura di me, indipendentemente da come mi sentissi. Non era una sensazione che Lui si prendesse cura di me, era una certezza. Mi sollevava. È così importante leggere la Parola di Dio, avvicinarsi a Lui in momenti come questi, anche se non ti senti affatto di farlo. Ti avvicina più a Lui e ti porta riposo e pace.

“‘Avvicinatevi a Dio, ed egli si avvicinerà a voi.' Giacomo 4:8

Cantare la fede a me stessa

“I giorni in cui mi sedevo sul divano e mi sentivo triste e giù e volevano venire pensieri bui, allora aprivo il nostro libro dei canti della chiesa e leggevo semplicemente i canti a me stessa per incoraggiarmi. Questo in particolare:

“‘Lui stesso ci ha scelti in Cristo, prima che la terra si formò, or nel tempo con amor ci chiama, più d’un padre Lui ci ama, sì. Giorno, notte il suo cuore brucia solo per fare del ben a te. Se tu dai tutto nelle sue mani, Lui ti salverà: spirito, corpo e anima.

È così importante leggere la Parola di Dio, avvicinarsi a Lui in momenti come questi.

“‘Provami’ – ci dice la sua voce; beati son quelli che lo prendono in Parola.
Pur se gli altri potran dimenticarti, da lui ogni tuo segno sentito verrà…’

“A volte sembrava proprio così, anche se so che non è proprio quello che è successo. Eppure mi sentivo così sola.

“‘…E nel cuor che sente la distretta, Lui crea con parole così meravigliose.
Se tu dai tutto nelle sue mani, s’apriran per te le vie del ciel.’
(Le vie del Signore #295)

Più vicina a Dio

“Dopo aver avuto il mio secondo bambino abbiamo capito le cose e mi sono curata con i farmaci. Questo aiutò tanto. Dopo di che la vita è diventata molto più normale. E adesso quando guardo indietro a questi pochi anni bui, non penso alla parte buia di essi. Guardo indietro e sono estremamente grata per quel periodo e non lo vorrei cambiare. Mi sono avvicinata molto a Dio attraverso quello che ho passato.”