Dio esiste e ricompensa quelli che lo cercano!

Scritto da: La redazione | Pubblicato: 09. agosto 2013

– Dio è, e anche se non lo vediamo, lui ci vede e ci segue. In cielo non c'è una specie di macchina automatica, lì c'è seduto un padre, un amico!

Jan-Hein Staal dai Paesi Bassi parla qui ai giovani alla conferenza in Norvegia riguardo a come Dio sia presente e interessato nell'aiutare a giungere alla vittoria sul peccato nella propria vita quotidiana quelli che credono in lui.

Staal dice che il fatto che Dio è dovrebbe darci serietà.
– Giuseppe, lui capì che Dio è. «Come dunque potrei fare questo gran male e peccare contro Dio?» – lui che mi ama, lui che ha progetti per la mia vita? chiede Staal all'assemblea dei giovani riferendosi a Genesi 39, 9.

-Dio è - questo ci dà speranza! Lui fa l'esempio di un ragazzino che da solo può sentirsi molto debole e impaurito, ma quando il suo fratello maggiore gli sta a fianco e tutt'altra storia. – Così è in effetti; il cielo ci sta a fianco. Lì c'è Gesù, e lui ha attraversato tutto questo combattimento sche tu e io dobbiamo attraversare. E ora ci è accanto!

– Quando siamo nella nostra vita quotidiana, e visto con occhio umano c'è una difficoltà per noi, questo è perché con i nostri occhi naturali non possiamo vedere Dio. Ma possiamo avere gli occhi illuminati del cuore, perché c'è un'attività in cielo e attorno a noi che difficilmente riusciamo a capire, racconta entusiasta Staal.

Guarda l'intero discorso nella finestra sopra.