La fratellanza – il corpo di Cristo

Scritto da: Trond Eivind Johnsen, Mark Cheetham | Pubblicato: 25. novembre 2011

Esistono tante idee e pensieri attorno a come una chiesa deve essere organizzata, ma nella Bibbia impariamo del rapporto tra Gesù e i suoi fratelli. Questa fratellanza viene anche descritta come il corpo di Cristo. Come funziona questo?

– Se pensi a un corpo naturale. Per esempio la mano. La mano non fa quello che gli dice di fare il braccio. La mano fa quello che gli dice di fare la testa, ma se rimuovi il braccio, allora la mano è inutile, spiega Sam Petkau in modo semplice da comprendere.

I discepoli di Gesù sono i membri del corpo di Cristo e questi hanno bisogno l'uno dell'altro per eseguire ciò che la testa chiede loro di fare. La testa per il corpo di Cristo è Gesù Cristo e sono i suoi pensieri a essere trasmessi ai diversi membri.

Come si diventa un membro del corpo di Cristo?

Non è iscrivendosi nella giusta organizzazione che si diventa parte di questo corpo. Gesù stesso ha spiegato come: "Se uno vuol venire dietro a me, rinunci a se stesso, prenda ogni giorno la sua croce e mi segua." (Luca 9,23) In questo è incluso anche rinunciare alla propria volontà. Questo lo fece Gesù stesso quando disse "Padre, la tua volontà sia fatta". Se facciamo lo stesso, entriamo in contatto con Gesù e diventiamo un membro del suo corpo, racconta Sam Petkau.

In Efesini 4, 11–12 sta scritto: "È lui che ha dato alcuni come apostoli, altri come profeti, altri come evangelisti, altri come pastori e dottori, per il perfezionamento dei santi in vista dell'opera del ministero e dell'edificazione del corpo di Cristo". Paolo descrive qui come deve funzionanare la chiesa. Gesù ha dato ai discepoli doni diversi che possono usare per edificare il corpo di Cristo.

Guarda l'intervista con Sam Petkau dal Canada nella finestra sopra.