Gettando ogni preoccupazione su Dio

Gettando ogni preoccupazione su Dio

Scritto da: G. Gangsø | Pubblicato: mercoledì 14 gennaio 2015

L’ansia non è altro che incredulità. Quando sei ansioso sminuisci Dio ed esalti te stesso. In realtà definisci Dio un bugiardo.

Ai discepoli di Gesù fu fatta una promessa: “Cercate prima il regno e la giustizia di Dio, e tutte queste cose vi saranno date in più". (Mt. 6,33). Sta anche scritto che il nostro Padre celeste sa quello di cui abbiamo bisogno. Lui lo sa, non è stupido. Con la nostra incredulità dichiariamo che Dio è cieco, stupido e un poco senile. Il Padre celeste però non è cieco o senile. Segue tutto con attenzione. Difatti, ha contato ogni capello sulla nostra testa. Puoi esserne certo. Ha contato ogni euro che possiedi, fino all’ultimo centesimo. Sa esattamente di quanto hai bisogno per domani, dopodomani e per i dieci anni a seguire! Dio sa tutto e si prende cura di tutto..

Una connessione con l'Onnipotente

Come stanno le cose con noi? Gesù dice: “Se dunque non potete fare nemmeno ciò che è minimo, perché vi affannate per il resto?” (Luca 12,26). Dio è in grado di fare qualunque cosa, ma noi non siamo neanche in grado di fare il minimo. Alla luce di questa verità dovremmo, abbastanza logicamente, iniziare ad obbedire a questo versetto: “gettando su di lui ogni vostra preoccupazione”. (1 Pt. 5,7). Per fare questo, però, dobbiamo avere una connessione con Lui. Solo i suoi discepoli hanno questo tipo di connessione, coloro che sono nati di nuovo ad una viva speranza. Se sei senza Dio e senza speranza qui in terra, non è così semplice gettare su di Lui ogni preoccupazione. Invece ti preoccupi, e a buona ragione.

Con la fede nella Parola intere montagne di ansia possono essere rovesciate e gettate nella profondità dei mari. Quanta ansia rimarrà se ricevi una speranza viva in Rom. 8:28? “Or sappiamo che tutte le cose cooperano al bene di quelli che amano Dio, i quali sono chiamati secondo il suo disegno”.
Allora spariscono tutte le nuvole d’ansia e il sole della giustizia spunterà con guarigione nelle sue ali.
L’ansia ci fa invecchiare prima; è la causa di ulcere allo stomaco e dell’acidità. Porta fatica e inquietudine per cose ridicole ed insignificanti. Come dice Siracide: ”La preoccupazione porta a vecchiaia prematura”. Sir. 30:24.

Pensieri nuovi, incoraggianti

L’esortazione risuona: “Non angustiatevi di nulla”, Fil.4,6. Di solito la gente è in ansia praticamente per tutto. É una malattia corrosiva, come un serpente che scivola tra i pensieri, che soffoca la tua vita in Dio. I tuoi pensieri ruzzolano in un labirinto buio e gli stessi pensieri distruttivi tornano, sempre di nuovo.

Quando però getti sul Signore ogni preoccupazione, allora si aprono i cieli. In Ap.4,1 sta scritto “...vidi una porta aperta nel cielo”. E una voce disse “Sali quassù!". Lì era luminoso con pensieri nuovi, pensieri incoraggianti, grati, che sono esistiti da prima della creazione del mondo. Ora questi pensieri scesero nel cuore e nella mente dando una chiara visione. “Ecco il vostro Dio!”, (Is. 40,9). Quando vedi Dio, ti rendi conto di quanto sei piccolo e di quanto, in realtà, siano insignificanti e ridicoli i tuoi problemi. Prima le preoccupazioni e l’ansia divoravano la tua energia e il tuo spirito d'iniziativa, ma ora una nuova energia ti riempie con il desiderio di alzarti e servire. Ora non sei più spinto e tormentato dai tuoi stessi pensieri. Il giogo dell’ansia è stato spezzato nella tua vita, così che puoi anche aiutare a liberare gli altri e portare conforto ad anime sofferenti. Allora la tua luce risplenderà al buio e la tua oscurità sarà come il mezzogiorno. (Is. 58,10).

Lo stesso capitolo comprende una buona esortazione: supplire ai bisogni dell’affamato, e saziare l'afflitto. Questo è un colpo potente contro le preoccupazioni. Dio nota queste cose e ti ricompenserà di conseguenza.

Dio può fare ciò che è impossibile

Quindi esercitiamoci nel timore di Dio, esercitiamoci a gettare tutte le nostre preoccupazioni ed ansie su di Lui. Senza dubbio, questo è uno degli ‘sport’ spirituali più proficui che tu possa esercitare.

Se Dio è così misericordioso da gettare tutti i nostri peccati nelle profondità del mare, dovremmo approfittare di questa offerta incredibile: gettare su di lui ogni nostra preoccupazione! Dio può fare cose che per noi sono impossibili.