Guardare, ascoltare e fare

Guardare, ascoltare e fare

Scritto da: Michelle Dokken | Pubblicato: venerdì 3 gennaio 2014

Senti che manca qualcosa alla tua vita da cristiano? Senti che il tuo bisogno non sia stato soddisfatto dalla predicazione nelle assemblee cristiane? Incontra Kristen, una ragazza di 23 anni da Tulsa, Oklahoma, USA. Lei ha sperimentato la stessa cosa, finché sentì un vangelo che trasformò la sua vita.

In una visita pomeridiana a casa sua, ho la possibilità di chiacchierare con Kristen.  Sembra una tipica ragazza americana, alla mano, gentile e cordiale, con un buon senso dell’umorismo, ma quando inizia a raccontarmi qualcosa di più della sua vita, è chiaro che è tutt’altro che ‘tipica.’

Un desiderio di qualcosa di più

Sentivo il bisogno di andare in chiesa, ma si trasformava sempre in un evento sociale… Volevo che ci fosse di più lì

Kristen era figlia unica ed aveva avuto una buona educazione da genitori cristiani. Ma da adolescente, iniziò ad avere un bisogno spirituale più profondo, che non veniva soddisfatto nelle chiese che frequentava. I messaggi e le funzioni religiose sembravano molto finte e superficiali, e lei resistette dall'esserne parte. “Sentivo il bisogno di andare in chiesa, ma si trasformava sempre in un evento sociale,” spiega. “Non era mai serio e volevo che ci fosse di più lì, ma non conoscevo niente di diverso.”

Kristen trovava pure che le funzioni religiose creassero confusione.  In una chiesa, veniva spesso chiesto alla congregazione di alzare la mano se pensavano di andare in cielo. “Io non riuscivo mai ad alzare la mia," ricorda Kristen, “perché non ero mai sicura.”  Il resto della congregazione sembrava essere soddisfatta con il ragionamento che se avessero accettato Gesù nei loro cuori e se avessero creduto in Lui, sarebbero andati in cielo. Ma Kristen sentiva che questo non era sufficiente.

Mi sentivo come un'estranea e cominciai a dubitare che fossi cristiana

Una svolta

Durante il liceo, la vita personale di Kristen divenne un poco dura e andò ad abitare da qualche parente nel Texas.  Un fine settimana lei e un’altra ragazza andarono ad un grande raduno cristiano, che terminò con l’essere piuttosto differente da quello che si aspettava.  “Mi sentivo come un’estranea e cominciai a dubitare se fossi una cristiana perché non riuscivo ad andare d'accordo col modo in cui agivano gli altri. Ci si focalizzava molto sul mostrare le emozioni esteriori che, secondo me, sembravano essere per la maggior parte finte e superficiali.”  Kristen è rassegnata e seria nel ricordare il disagio che sentiva partecipando a tali eventi e alla confusione quando non era in grado di ricevere risposte chiare alle sue domande.

È possibile vincere il peccato?

Questa esperienza portò Kristen, che aveva un desiderio di vivere una vita gradevole a Dio, a cercare nella Bibbia le risposte alle sue domande. Quello che leggeva iniziò a fare una profonda impressione su di lei.  “Per me, era quello che leggevo personalmente nella Parola di Dio a chiarire le cose, non l’andare in chiesa,” dice Kristen.  Un versetto che lesse risuonò nel suo cuore: “Infatti, se persistiamo nel peccare volontariamente dopo aver ricevuto la conoscenza della verità, non rimane più alcun sacrificio per i peccati…” (Ebrei 10:26). “Mi resi conto che non potevo peccare più, perché adesso sapevo che la grazia di Dio mi poteva essere portata via.” La sua voce è seria e sicura quando spiega, “Questo generò zelo in me perché era un versetto di condanna, ma ancora non sapevo che fosse possibile vincere completamente il peccato.”

Alla prima riunione, sentii che ogni pensiero che abbiamo è importante

Poco dopo, Kristen fece conoscenza con una famiglia che frequentava la Brunstad Christian Church e iniziò ad andare alle loro riunioni.  “Fu una nuova esperienza per me; non ci si concentrava sul creare un grande spettacolo, c’era profondità e sincerità e mi sentii attirata ad essere lì. Alla prima riunione, sentii che ogni pensiero che abbiamo è importante.  Il messaggio di portare nella morte il peccato che vive nella nostra natura umana era qualcosa di completamente nuovo.”

Lei iniziò a frequentare queste riunioni regolarmente e ottenne una buona amicizia con i membri locali. Ma ammette che non giunse subito alla vita che desiderava: “Durante i primi due anni, non presi abbastanza seriamente il vangelo che avevo sentito. Ricevetti una conoscenza su come avrei dovuto vivere, ma invece di lavorare con la mia vita, rimandai e pensai che la comprensione fosse sufficiente.”

Una nuova visione della vita

Dopo che Kristen si sposò ed ebbe un figlio, ebbe un maggiore bisogno del vangelo che aveva sentito, perché aveva veramente difficoltà a rinunciare al suo tempo e alla libertà per il suo piccolo bambino.  “Una buona amica della Brunstad Christian Church mi raccontò di aver sperimentato la stessa cosa quando ebbe dei figli e le sue parole di incoraggiamento mi aiutarono enormemente,” dice Kristen con riconoscenza. “Questa conversazione risvegliò qualcosa in me, perché realizzai che era il mio proprio peccato che rendeva il tutto così difficile per me e iniziai a vedere quanto fossi egoista.”

Realizzai che era il mio proprio peccato a rendere le cose così difficili per me

Kristen si rese conto che senza riconoscere i peccati come l’egoismo, e pregare a Dio per ottenere l’aiuto per vincerli, non avrebbe mai potuto crescere come discepolo.  Le sue situazioni quotidiane al lavoro o a casa con suo figlio avevano una nuova importanza e lei riflette un attimo su queste.  “Questa era la differenza tra il comprendere e il vivere il vangelo,” conclude. “Guardai indietro e riuscii a ricordare molte volte in cui mi trovai in situazioni simili, ma piuttosto che combattere contro i pensieri di malcontento, sentivo semplicemente compassione per me stessa.  Capire che avrei potuto vincerli mi diede la speranza che in futuro sarebbe potuto essere diverso – Sarei potuta cambiare!”

Fu questa battaglia contro la sua propria natura peccaminosa a condurre Kristen alla vera libertà: “Una volta capito questo, l’intera visione della vita era cambiata,” spiega entusiasta. "Il vangelo divenne una benedizione e mi aiutò a vedere quanta gioia ci può essere se combatto fedelmente.”

Cambiò tutta la mia visione della vita

Il figlio di Kristen passa correndo, gridando e ridendo mentre gioca, e lei sorride.  Percepisco chiaramente la pace e la gioia che ha ricevuto come risultato della sua decisione di vivere fedelmente secondo il vangelo che ha sentito.  Quando la salutiamo, lei conclude la sua storia:

“Ogni giorno c’è nella mia mente la gratitudine per quello che Dio ha fatto con la mia vita. La possibilità di rinnegare me stessa e dare tutta la mia vita a Dio e allo stesso tempo condividere una tale vocazione con gli altri che corrono verso lo stesso obiettivo, è la benedizione più grande che io abbia mai ricevuto.”